Lav, mucche in condizioni raccapriccianti in allevamento già denunciato

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
mucche

“L’inferno continua per le circa 400 mucche di un allevamento nel Cremonese, già denunciato dalla Lav nel 2019 e al quale i Carabinieri Forestali hanno posto i sigilli: lo testimoniano nuove immagini video ricevute dalla Lav a febbraio e in questi giorni di luglio”. Così la Lav in una nota.

“Una realtà inaccettabile con condizioni raccapriccianti di agonia per le mucche e con profili gravissimi dal punto di vista sanitario – afferma Roberto Bennati, direttore generale Lav – Lo documentano nuove recenti immagini che abbiamo ricevuto e che mettiamo a disposizione delle indagini in corso scaturite da una segnalazione della Lav nell’ottobre del 2019”.

Bennati sottolinea che “le condizioni di grave maltrattamento e di insicurezza sanitaria sembrano perdurare. Facciamo appello al Prefetto di Cremona affinché convochi nuovamente il Comitato per l’ordine e la sicurezza pubblica per affrontare questa vera e propria emergenza sanitaria, di benessere e di sicurezza alimentare”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

Cena tra Silvio Berlusconi e Mara Carfagna, come racconta oggi

Le pensionate e i pensionati non si arrendono e sono

I parlamentari salentini del #Movimento5Stelle accusano il ministro Gian Marco

Il presidente di AssoTabaccai Roma e Provincia della Confesercenti, Gianfranco

Forza Italia l’aveva definito “una mancia ai fannulloni”. Il Pd

Pesantissimo, senza freni, Carlo Calenda. “La guardia civica va bene

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.