Lazio-Verona 0-0: #Biancocelesti rimangono al terzo posto

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
lazio

Niente sorpasso all’Inter e niente secondo posto. La Lazio non va oltre il pareggio con il Verona e vede sfumare la possibilità di scavalcare Conte e portarsi a due punti dalla Juve capolista. Non ha trovato il gol la squadra di Inzaghi anche per la sfortuna avuta da Luis Alberto, che ha centrato due pali. Si è rivelato un avversario molto difficile da affrontare il Verona di Juric, bravo a difendersi ma anche a spaventare Strakosha.

Luis Alberto fermato dai pali
Davanti ai 40mila dell’Olimpico Inzaghi cambia solo un uomo rispetto alla partita vinta con la Spal domenica: in difesa c’è Patric al posto di Bastos. La Lazio vuole fare la partita, cerca di sfruttare le fasce con Lazzari e Lulic e si affida alle invenzioni di Luis Alberto e Milinkovic al centro. Il Verona, però, è ben messo in campo da Juric, che sceglie Pessina al posto dello squalificato Amrabat e cerca di chiudere tutte gli spazi alla Lazio. Veloso testa l’attenzione di Strakosha ma il portiere biancoceleste risponde alla grande. La reazione della Lazio non si fa attendere ma Immobile e Luis Alberto trovano sulla loro strada un ottimo Silvestri. Dove non arriva il portiere c’è il palo a negare il vantaggio allo spagnolo. Inzaghi mastica amaro, anche perché un giallo ricevuto da Milinkovic lo costringerà a saltare la trasferta di Parma di domenica.

Sfuma il sorpasso all’Inter
Prova a spingere nel secondo tempo anche la Lazio, ma è ancora il palo a spegnere i sogni di Luis Alberto. Dall’altro lato provano a pungere senza fortuna Lazovic e Verre, che poi lascia il posto al nuovo arrivato Eysseric. Inzaghi prova a dare una scossa con due esterni freschi, Marusic e Jony, al posto degli esausti Lazzari e Lulic, ma poi subisce un altro giallo pesante: anche Radu, diffidato, salterà Parma. La Lazio preme con veemenza, ma rischia in contropiede quando Borini costringe a un grande intervento Strakosha. Parolo per Caicedo è l’ultima carta di Inzaghi che chiede ai suoi lo sforzo finale per sbloccare il risultato. L’assedio finale dei biancocelesti sbatte ancora su Silvestri, che si oppone alla grande a Luis Alberto. La Lazio non va oltre il pari, sfuma il sorpasso all’Inter.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

Perugia  – I consiglieri dei gruppi regionali Lega, Fratelli d’Italia,

Nessuna alleanza con il Sindaco De Magistris, perché sta lasciando

LE 100 PERCUSSIONI DI RAVENNA FESTIVAL: TRE EVENTI PER UN

“Nella zona della raffineria ENI di Stagno a Livorno perdurano

Vogliono farmi tacere. I membri togati del CSM mettono in

Probabilmente la decisione economica piu’ importante dall’introduzione dell’euro. Con orgoglio,

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.