Le balene assorbono il 40% dell’anidride carbonica prodotta nel mondo

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
balena

Un dato bizzarro, che potrebbe però fornire agli scienziati spunti interessanti per la lotta ai cambiamenti climatici. Gli esperti del Fondo Monetario Internazionale hanno, infatti, analizzato l’impatto delle balene sugli ecosistemi marini e soprattutto la rete ecologica che ruota attorno ai giganti dell’oceano.
La scoperta è incredibile: la presenza dei grandi cetacei è un fattore chiave per la crescita del fitoplancton, capace di contribuire al 50% di tutto l’ossigeno globale e di catturare circa 37 miliardi di tonnellate di CO2, il 40% di quella prodotta. Un potenziale pari a 1,70 miliardi di alberi, quasi 4 foreste amazzoniche!
Proteggere e aumentare le popolazioni di balene, quindi, per far moltiplicare esponenzialmente il fitoplancton negli oceani e cosi il sequestro della CO2 mondiale.
Sarà la natura stessa a fornirci una soluzione per salvare il pianeta – e l’uomo – dal riscaldamento globale?

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

Quando si attenta alla libertà di informazione si attenta alla

Mostre, eventi e appuntamenti per il weekend Per le giornate

Un protocollo d’intesa firmato tra Unione Industriali Napoli e @maidiremedia

“Il MoVimento 5 Stelle, dopo aver sedotto i ciclisti a

“L’Italia è fondamentale per il cinema mondiale, perché il cinema

Una premiazione speciale per un cane speciale: Jecky, matricola militare

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.