ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish

Le critiche a RDC e REM sono un insulto a milioni di italiani in difficoltà

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
Reddito di cittadinanza:

Il Reddito di Cittadinanza e il Reddito di Emergenza sono l’esempio dell’attenzione particolare che il MoVimento 5 Stelle ha voluto sempre riservare alle tantissime famiglie che si trovano in difficoltà. Parliamo di milioni di persone per le quali questi strumenti rappresentano un paracadute sociale importante in una fase in cui le attività economiche si sono fermate.

Eppure la propaganda anti-reddito è dura a morire. C’è ancora chi si permette di definire il Reddito di Cittadinanza una “paghetta”, offendendo così milioni di persone che grazie a questo strumento sono riuscite a risollevarsi da una situazione di disagio permanente.

Grazie al lavoro fatto dai parlamentari del MoVimento 5 Stelle, dal ministro Di Maio prima e dal ministro Catalfo poi, con il Reddito di Cittadinanza abbiamo aiutato oltre 2,8 milioni di persone che vivevano sotto la soglia di povertà.

Il lavoro del governo è andato avanti anche per affrontare le necessità di questa emergenza sanitaria senza precedenti e nel Decreto Rilancio abbiamo introdotto il Reddito di emergenza. Con il decreto Cura Italia, inoltre, abbiamo messo in campo un pacchetto di interventi articolato per sostenere i lavoratori che sono stati costretti allo stop forzato della loro attività: l’indennità da 600 euro ha raggiunto i lavoratori autonomi e le partite iva, i lavoratori stagionali, i lavoratori agricoli, i lavoratori dello spettacolo, i cococo e anche i professionisti iscritti alle casse private. Con il Decreto Rilancio abbiamo prorogato, e in alcuni casi esteso, gran parte di queste misure e abbiamo previsto un’indennità di 500 euro al mese per due mesi (aprile e maggio) anche per colf e badanti. Fondamentale è stato infine l’impegno per assicurare la cassa integrazione ordinaria e in deroga ai lavoratori di tutti i settori produttivi.

Dare respiro alle famiglie è una questione di giustizia sociale, senza dubbio, ma aiuta anche l’economia a reagire alla crisi, perché finanziare chi ha meno soldi significa aumentare la propensione al consumo e spingere la domanda interna rivolta ai beni di prima necessità. Una boccata di ossigeno che riguarda dunque non solo le famiglie, ma le stesse piccole medie imprese, i negozi, le botteghe e i mercati di paese che costituiscono la spina dorsale del nostro Pil. Già prima dell’emergenza sanitaria l’Italia faticava a crescere e con il Reddito di Cittadinanza avevamo posto le basi di una ripresa dei consumi, dopo questa crisi imprevista di enormi dimensioni introdurre un Reddito di Emergenza era un atto dovuto, che siamo orgogliosi di aver portato a termine.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

calcio

Novità in arrivo per la Coppa Italia Nel corso del

Il gioco di Renzi è stato chiaro sin dall’inizio. Doveva

usacina

Il governo di Pechino ha annunciato ieri di aver raggiunto

“Giorgia Meloni è uno dei parlamentari più assenteisti in questa

Cresce l’allerta per milioni di persone evacuate a causa dell’arrivo

Il 18 febbraio il Banchiere scrittore invierà un videomessaggio all’evento

ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.