ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish

LE SCUOLE CHIUSE METTONO A RISCHIO I GIOVANI. QUELLE APERTE NO

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
FLORIDA

Ho invitato al Ministero la dottoressa Sara Gandini per presentarmi e spiegarmi lo studio che ha condotto con altri esperti riguardo l’incidenza del virus nelle scuole anche rispetto alla variante inglese.
La dottoressa Gandini è direttrice dell’unità Molecular and Pharmaco-Epidemiology presso il dipartimento di Oncologia dell’istituto europeo di oncologia di Milano e la ricerca che ha condotto a firma sua, di Maurizio Rainisio, Maria Luisa Iannuzzo, Federica Bellerba, Francesco Cecconi e Luca Scorrano dal titolo “A cross-sectional and prospective cohort study of the role of schools in the SARS-CoV-2 second wave in Italy” è stata pubblicata dalla prestigiosa rivista scientifica The Lancet Regional Health – Europe.
Gli autori hanno analizzato i dati del Ministero dell’istruzione incrociandoli con quelli di Ats e Protezione civile fino a coprire un campione pari al 97% delle scuole italiane: più di 7,3 milioni di studenti e 770 mila insegnanti.
L’analisi parte dai mesi della seconda ondata (settembre-dicembre) ma i termini della discussione sono stati aggiornati considerando statisticamente anche la nuova variante inglese, confermando che il concetto non cambia.
Parliamo di cose serie. Di studi attendibili e di grande professionalità, oltre che passione.
Ci tenevo a conoscere meglio la ricerca che la dottoressa ha realizzato insieme ad altri scienziati e che conferma, con evidenze scientifiche, che la nostra posizione di sempre, cioè di tenere aperte le scuole in presenza, è supportata da evidenze scientifiche.
Ho avuto modo di parlare a lungo con lei, di chiederle dettagli riguardo la ricerca che ha condotto e le sono molto grata per questo arricchente contributo scientifico che ha offerto al dibattito pubblico e alla politica. È importante che le scelte politiche siano sempre supportate da confronti con esperti e da uno studio attento dei documenti.
Dopo questo incontro confermo e sostengo sempre con più certezza che le scuole devono riaprire, possibilmente per ogni ordine e grado, e soprattutto non dobbiamo chiuderle più.
Una serie di ragioni ci inducono a questa posizione:
– Intanto mancano prove evidenti che, in conseguenza alla chiusura delle scuole, ci siano vantaggi sul contenimento del virus.
– Le scuole continuano ad essere gli ambienti nei quali il contagio avviene meno che in altri ambienti.
– Sulla base di dati epidemiologici, l’analisi ‘scagiona’ l’apertura delle scuole sostenendo che non c’è correlazione significativa tra diffusione dei contagi e lezioni in presenza di bambini e ragazzi.
– Non ci sono evidenze scientifiche che l’aumento del contagio tra i soggetti in età scolastica sia legato all’apertura delle scuole.
– Non ci sono evidenze scientifiche che la variante inglese si diffonda maggiormente nelle sole fasce d’età scolastiche.
– Non ci sono evidenze scientifiche che le diverse varianti circolanti nel Paese siano resistenti ai vaccini in uso in Italia.
Dalla ricerca si evince inoltre che all’interno delle scuole a contagiarsi maggiormente è il personale scolastico, il 77% del quale ad oggi è già stato vaccinato.
Non è tempo di facili slogan. C’è un altro contagio da fermare ed è quello della saluta psicofisica dei nostri giovani.
Il ritorno in classe per le nostre studentesse e i nostri studenti riguarda non solo il loro diritto allo studio, che dobbiamo tutelare, ma anche il loro diritto alla salute. Stare a scuola infatti li protegge da gravi disturbi psicologici, alimentari e psico-cognitivi che invece si stanno diffondendo sempre di più.
C’è un debito, grave, che stiamo contraendo con i nostri giovani. E riguarda il loro futuro e quello del livello culturale della nostra nazione.
Non ci saranno ristori né sostegni a sufficienza. Adesso la riapertura per tutti gli ordini e gradi di scuola il più presto possibile. Cominciamo a pagare il debito culturale ed etico che abbiamo con la nuova generazione.
Presto, che è già tardi.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

L’Emilia-Romagna preme per salvare il reddito dei suoi imprenditori ortofrutticoli

Per il lavoro è stata una primavera nera. Il lockdown

Non c’è nessuna emergenza abitativa nell’immobile occupato illegalmente da #Casapound

Proseguono i servizi antidroga della Polizia di Stato che hanno

Questa mattina sono a Varese, nella sede della Leonardo, per

Questo pomeriggio ho partecipato alla posa della prima pietra dell’lfts,

ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.