Legami con ‘ndrangheta ed ex della banda della Magliana

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
polizia

Per questo la questura di Roma ha sequestrato 170 immobili, 40 aziende (tra cui supermercati), 4 allevamenti, una Ferrari, una gioielleria nel rione Prati di Roma per un valore complessivo di 120 milioni di euro.

Tutti questi beni risultano intestati a esponenti di spicco della criminalità organizzata calabrese (Scriva, Morabito, Mollica, Velonà, Ligato) ben radicata a Roma e provincia dagli anni Ottanta.
Gli immobili sono oltre che a Roma a Campagnano, Grottaferrata, Rignano Flaminio, Morlupo.
È stato anche sequestrato un cartello di 50 imprese che si era aggiudicato un finanziamento della Regione Lazio, segno di come anche le Istruzioni siano seriamente a rischio infiltrazioni.

Chi è che diceva che a Roma e provincia non esistono le mafie?
Ci sono eccome, per questo i provvedimenti presi da questo governo (Spazzacorrotti e inasprimento delle pene sul voto di scambio tanto per citarne un paio) sono doverosi e costituiscono la base di partenza per la lotta alla criminalità organizzata.
Non dobbiamo abbassare la guardia. Mai.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

Per farlo però dobbiamo partire dai contenuti, dalle idee, dalle

Al di la’ della riuscita o meno, della trattativa fra

FIRENZE – Antibiotici, usare con prudenza. Potrebbe essere questo lo

Una originale mostra che inaugura, laboratori interattivi, dialoghi scientifici, concerti

Questa mattina è stato presentato il nuovo servizio di bike

È iniziato il conto alla rovescia per le elezioni regionali

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.