Legge bullismo e cyberbullismo

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
ciberbu

La Giunta non applica la legge e se ne frega dei danni provocati alle vittime

Cosa è stato fatto per attuare la legge sul bullismo e cyberbullismo?
“Niente”: questa sarebbe stata l’unica risposta onesta che l’assessore Ruggeri e l’assessore Leo avrebbero dovuto dare, dal momento che la legge è ferma.
Invece, per nascondere la totale inattività da parte dei due assessori coinvolti, i dirigenti mandati in avanscoperta, arrampicandosi sugli specchi hanno snocciolato una serie di numeri e progetti che nulla hanno a che vedere con la richiesta dell’audizione.

La legge a mia prima firma, “Disposizioni in materia di prevenzione e contrasto dei fenomeni del bullismo e del cyberbullismo”, prevede delle attività specifiche di prevenzione e contrasto del bullismo e cyberbullismo.
Utilizzando risorse già iscritte in bilancio le scuole e le associazioni sportive, potrebbero dare vita ad una serie di attività incentrate su temi come il rispetto delle diversità, la diffusione della cultura della legalità e del rispetto della dignità personale. Sarebbe utile poter organizzare corsi di formazione per il personale scolastico in vista dell’inizio del prossimo anno, oltre che programmi di sostegno psicologico e di assistenza legale in favore delle vittime di atti di bullismo e di cyberbullismo.

Invece, per colpa dell’inerzia della Giunta che non approva delibere, la legge non parte. Sono solo pronti ad utilizzare l’argomento per scopi propagandistici, ma sulla prevenzione non si fa nulla.
Tutto questo è una vera vergogna!

La legge prevede l’istituzione di specifici sportelli di ascolto sul territorio, di un tavolo tecnico istituzionale permanente per la prevenzione e la lotta al bullismo e cyberbullismo, con l’obiettivo di monitorare costantemente il fenomeno e fare rete per poter attuare azioni efficaci. È prevista, inoltre, la settimana regionale contro il bullismo ed il cyberbullismo.

La Puglia è la prima regione a dotarsi di una legge sul bullismo e cyberbullismo, eppure non la applica.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

Aprire una crisi di governo in piena estate è un

In molti siti siciliani niente climatizzazione: il governo regionale trascura

Marco Paolini torna a Operaestate Festival e porta in scena

I NOSTRI SUOLI VANNO PROTETTI E CURATI: FONDAMENTALI PER INVERTIRE

SI PREPARA STANGATA DA 1.200 EURO A FAMIGLIA TRA SPREAD,

CODACONS: STIME ISTAT ECCESSIVAMENTE PRUDENZIALI, DA AUMENTO IVA EFFETTI SUI

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.