Libia: Alzare sguardo su cause immigrazione e risolverle

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
libia-

Per la Repubblica italiana, la Libia è un test permanente di pazienza diplomatica, di duttilità, di attenzione minuziosa agli scenari locali e globali. Ogni azione in questo campo si misura non con il raggio corto delle polemiche domestiche, ma con le leve lunghe delle relazioni internazionali”. Così il capogruppo del Movimento 5 stelle in commissione Esteri di Montecitorio, Pino Cabras, nel corso del dibattito in aula dopo l’informativa urgente del ministro dell’Interno Luciana Lamorgese sul memorandum Italia-Libia.

“Occorre- ha detto Cabras- alzare lo sguardo sulle cause delle migrazioni e costruire le condizioni per stabilizzare un’area più vasta su cui insistono gli equilibri della Libia, un’area che si spinge in profondità nell’Africa del Sahel, un pezzo che porta verso una fascia più spessa il cosiddetto ‘Mediterraneo allargato'”.

Per il deputato: “se alzeremo lo sguardo e investiremo risorse all’origine dei problemi, miglioreremo la vita presso i punti in cui si generano le migrazioni. Nessun quando nasce e cresce, sogna di migrare in un altro Paese lontano. Come Movimento Cinque Stelle ci impegniamo a sollevare l’attenzione di tutti in questa direzione”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

Appello della Onlus a chi vuole diventare volontario per il

RICCIONE – Alla foce del rio Marano, a lavori conclusi

Bologna – Sono stati presentati questa mattina alla città e

“Ribadiamo con assoluta fermezza che in Fratelli d’Italia non c’è

Un nucleo freddo di origine artica ha fatto irruzione sull’Italia.

I dazi che gli Stati Uniti potrebbero applicare ad alcuni

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.