LIGURIA: IN 9 MESI PERSE 59 MILA ASSUNZIONI

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
lavoro8_interno

CGIL “RILANCIARE SUBITO INVESTIMENTI PUBBLICI E PRIVATI”

Genova – Nei primi 9 mesi del 2020 l’Inps ha rilevato una perdita di 58.871 assunzioni in Liguria. I dati, elaborati dall’Ufficio Economico Cgil Liguria, non si riferiscono a lavoratori in carne ed ossa, ma al numero di contratti attivati. Un solo lavoratore può essere titolare di più rapporti di lavoro, basti pensare agli stagionali, a molti lavoratori part time o ai precari della scuola. Ciononostante il dato desta molte preoccupazioni e per Federico Vesigna Segretario Generale Cgil Liguria “L’emergenza sanitaria si è tradotta in una forte contrazione delle assunzioni che è proseguita anche per effetto della seconda ondata. Dal punto di vista occupazionale il 2020 è stato un anno terribile e senza ammortizzatori sociali e blocco dei licenziamenti, fortemente chiesti dal sindacato, ci si sarebbe trovati davanti ad un vero e proprio disastro sociale. Fa presto ad arrivare il 31 marzo e se non ripartono gli investimenti il rischio collasso è alle porte – e conclude – Non è rinviabile il confronto sul recovery plan per utilizzare al meglio le risorse europee”.

Ad entrare nel dettaglio dei numeri è Marco De Silva responsabile dell’Ufficio Economico Cgil Liguria che ha elaborato i dati Inps “Dalle rilevazioni emerge come tutte le tipologie di contratto siano in calo rispetto ai primi nove mesi dell’anno precedente e quello più marcato, con oltre 32 mila contratti in meno, riguarda le assunzioni a tempo determinato che rappresentano da sole oltre il 40% di tutte le assunzioni con contratto di lavoro dipendente” In totale, in Liguria mancano quasi 59 mila assunzioni toccando il livello più basso dal 2014. Da gennaio a settembre 2020 sono state 101.656 le assunzioni in Liguria contro le 160.527 dello stesso periodo dell’anno precedente con una contrazione che investe tutte le tipologie contrattuali, ma in particolare, quelle a tempo determinato con una diminuzione del 44.4 per cento, segno evidente che in questo anno di pandemia i contratti a termine o non sono proprio iniziati o non sono stati rinnovati. In calo oltre il 30% rispetto all’anno scorso anche tutte le altre tipologie di contratto (intermittente, somministrato, apprendistato e a tempo indeterminato); solo il lavoro stagionale, grazie ad un parziale recupero nel terzo trimestre, limita i danni ad un -16,7%.”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

Si è svolto ieri a Roma un importante incontro del

Se Dio è morto, come scriveva Guccini e cantavano I

Piccole, truffaldine, anacronistiche, beneficiarie di immeritate agevolazioni fiscali, inefficienti, sottocapitalizzate,

Una discarica in cui si sono sviluppati tre incendi nello

Nell’ultimo sondaggio politico sono il Movimento 5 Stelle e Fratelli

Trevor, 8 anni, è morto sabato sera allo zoo di

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.