Liguria, richieste da Lombardia e Piemonte per il weekend ma per ora il turismo è bloccato

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
spiaggia

“Chiamano in tanti da Lombardia e Piemonte – clienti affezionati o anche nuovi – per chiederci se possono prenotare per il fine settimana. Io non posso far altro che bloccarli e dire che per ora non si può fare. Alcuni sono convinti che da lunedì 18 ci sia il ‘liberi tutti’, ma non è così”. A parlare a Tgcom24 è Bruno De Blasio, titolare del ristorante “Sol Ponente” di Alassio (Savona).

“In tanti chiamano, specialmente quelli un po’ più anziani, chiedendomi: ‘Ci tieni il solito tavolo?’ e io in maniera molto educata li blocco e dico ‘No, abbiate pazienza ancora un pochino'”, continua De Blasio.

Un consiglio dato dalle circostanze; per ora, infatti, il turismo è bloccato. “I turisti piemontesi e milanesi sono il nostro indotto principale. Non è detto che dal 3 giugno ci sia il via libera agli spostamenti tra regioni, ma se così dovesse essere, aspettiamo i turisti lombardi e piemontesi a braccia aperte. Ora, però, non direi mai a coloro che mi chiedono un consiglio di mettersi in macchina e rischiare solo per fame d’incasso. Non si tratta di respingere, ma di consigliare”.

A chiarire ulteriormente il concetto è Carlomaria Balzola, presidente dell’associazione Assoristobar. “Noi non siamo sceriffi, non abbiamo nessun diritto di richiedere documentazione o altro e verificare la provenienza dei turisti, sta tutto al buonsenso e all’attenzione verso i dpcm nazionali. Dobbiamo rispettare le norme e avere un grande senso civico nel capire le situazioni. Non sono dell’idea di dire no agli ospiti, ma tutti coloro che verranno lo facciano nel pieno rispetto del decreto. Dal 3 giugno, se le regioni riapriranno, siamo pronti ad accogliere i turisti a braccia aperte. Stiamo predisponendo tutto per farci trovare pronti”.

“Noi abbiamo riaperto ieri – racconta invece Nicola Chessa, titolare del “Graf” di Alassio – erano tutti clienti autoctoni. Ad ogni modo, io, ovviamente, quando prenota un cliente non chiedo da dove arriva. Non è compito mio, prendo la prenotazione e basta. Certo, se uno mi chiede un consiglio come ‘Sono di Milano, posso venire?’ io posso rispondere ‘Secondo me no'”. Anche il Graf è in attesa del 3 giugno: “Siamo impazienti di riaccogliere i turisti”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

Una sentenza incredibile, una vergogna per l’Italia tutta! Solo una

I due casi arrivano da due testimonianze dirette di due

Ricostruire fiducia nel Paese. Aprire una nuova stagione di sviluppo

Confindustria afferma che questi inceneritori sarebbero “imprescindibili” Ma forse non

Sono molto preoccupato, come italiano, come leader politico e anche

Nell’Unione europea “siamo a un punto di svolta: o lasciamo

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.