L’inceneritore di Ravenna verrà dismesso

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
inceneritori1..

Stop all’inceneritore di Ravenna che a fine anno non vedrà più il conferimento dei rifiuti urbani nell’impianto. E’ questo il primo degli obiettivi raggiunti e sottolineati nella relazione conclusiva del monitoraggio intermedio del Piano regionale dei rifiuti.

Un risultato significativo, che nasce dall’azione condivisa tra Regione Emilia Romagna, Comune di Ravenna e Hera, che insieme hanno definito un piano d’intervento che porterà, appunto, alla dismissione della struttura. Questi ultimi mesi (la fine dell’anno segnerà la chiusura definitiva) serviranno per gli adempimenti tecnici ed organizzativi. Ovviamente il programma non comprometterà l’autosufficienza della regione nella gestione e nello smaltimento dei rifiuti, che verrà garantita sia attraverso l’efficace utilizzo degli altri impianti presenti sul territorio, secondo, sia dall’aumento della raccolta differenziata, sulla quale, si sta realizzando l’obiettivo del 73% entro il 2020 previsto sempre dal Piano, essendo già arrivata al 68% nel 2018 (+3,7% sull’anno precedente).

La chiusura dell’impianto di Ravenna è stata annunciate ieri dal presidente della Regione Stefano Bonaccini, nel corso di una conferenza stampa tenutasi a Bologna con l’assessore regionale all’Ambiente Paola Gazzolo e con il sindaco del Comune di Ravenna Michele De Pascale.

Lo scorso anno sono stati 81 i Comuni impegnati nei sistemi di tariffazione puntuale che consente di misurare il rifiuto prodotto e di pagare per quanto si butta come prevede la legge regionale 16 del 2015 sull’economia circolare di cui il Piano dei rifiuti è strumento attuatore.

In tal senso la riduzione dei rifiuti urbani indifferenziati è stata addirittura superiore alle previsioni. La raccolta differenziata ha invece raggiunto il record del 68% e i conferimenti in discarica sono al 4,9%, già sotto l’obiettivo del 10% fissato dall’Europa per il 2035.

Ma non è tutto: la Regione scende in campo anche contro la plastica che inquina il mare. I pescatori potranno raccogliere i rifiuti in Adriatico senza pagare la tariffa di servizio portuale. La disposizione è operativa da subito e permette di dare piena attuazione a quanto già previsto dal Piani di raccolta dei rifiuti prodotti dalle navi e dei residui del carico, già adottati dalla Capitanerie d’intesa con la Regione per i porti Rimini, Bellaria, Cattolica, Cesenatico, Goro, Gorino, Porto Garibaldi e Riccione. Un incentivo a difesa dell’intero ecosistema marino.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

Una colonna di fumo si è alzata nella mattinata di

Il 3 maggio torna una delle regate più amate dell’Adriatico,

Il 29 marzo saremo chiamati come cittadine e cittadine ad

CODACONS: IN ITALIA TASSAZIONE SU ENERGIA ABNORME. SU OGNI BOLLETTA

GENOVA – “Stiamo lavorando per riaprire il Paese da lunedì

Le agenzie battono al ritmo delle critiche, quelle delle associazioni

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.