L’INERZIA DELLA REGIONE A SCAPITO DEI CITTADINI

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
raggi

Siamo alla resa finale sulle responsabilità della situazione dei #rifiuti nella #Capitale.
Ed ecco che non potendo più dissimulare i vergognosi ritardi e le macroscopiche inadempienze, alla spicciolata vengono fuori le dichiarazioni dei vari assessori regionali che eseguono alla lettera il detto: ”la migliore difesa è l’attacco”
Senza rendersi conto che il giochetto di isolare Roma per poi puntare il dito contro la #Sindaca ormai lo hanno capito tutti.

E così il teatrino a mezzo #stampa comincia con l’assessore #Valeriani che incolpa #AMA e la raccolta per la giacenza su strada dei rifiuti (come se, innocente, non sapesse che il problema è dove portarli e non raccoglierli) arrivando di nuovo a scaricare la responsabilità dell’insufficienza impiantistica alla Sindaca e a Roma Capitale, quando nelle stesse loro linee guida è scritto testualmente:
“Si attesta che in base alle volumetrie attualmente disponibili, alle esigenze di smaltimenti dei vari #ATO e dell’insufficienza di vari ATO, già dall’anno 2020 ci sarà emergenza nell’intera Regione in caso di mancata autorizzazione di nuove volumetrie e nuovi impianti.”

A questo si aggiunga anche quanto scritto nel capitolo “Localizzazione degli Impianti” sempre delle linee guida della Regione Lazio approvate dalla #Giunta e quindi dallo stesso Valeriani:
“La Città metropolitana di Roma Capitale, con Determina Dirigenziale R.U. n. 5545 del 20/12/2018 ha provveduto all’individuazione di aree idonee e non idonee alla localizzazione di impianti di smaltimento di rifiuti nell’area della #CittàMetropolitana di Roma Capitale, ex art. 197 comma 1, lettera d) D. Lgs. 152/2006, elaborate in due planimetrie in scala 1:100.000
(…) tuttavia poiché non vi sono riportati i vincoli imposti con puntuali Decreti Ministeriali a tutela del patrimonio archeologico (…) In sede di svolgimento di #VAS appare opportuno integrare le previsioni della Città metropolitana con tali vincoli al momento non esplicitati”

Le responsabilità della #Regione sono dunque evidenti e scritte nero su bianco proprio nelle linee guida da loro partorite dopo 7 anni di (mal)Governo.

Il teatrino continua con l’assessore alla #salute D’Amato che incalza la Raggi sull’emergenza sanitaria derivante dai rifiuti in terra…aggiungendo che la Sindaca dovrebbe avere “il pudore di tacere” …
Chi dunque ha smantellato la sanità pubblica della Regione Lazio, Chiudendo presidi ospedalieri, riducendo personale e strutture, portando addirittura le nostre eccellenze in campo medico a chiedere il trasferimento in altre regioni (come accade ad esempio al #ReginaElena), fallendo miseramente l’organizzazione delle prenotazioni e riducendo i Pronto Soccorso delle riproduzioni di ospedali da campo sotto bombardamento, si arroga il diritto di intimare il silenzio per pudore a chi subisce il blocco politico e amministrativo della Giunta Regionale alla quale egli stesso appartiene.

Noto proprio in queste ore girare su internet un’intervista di Marino, ex sindaco di Roma, il quale anch’egli attribuiva l’emergenza rifiuti a #Zingaretti e alla Regione a causa del blocco dei progetti per il superamento della chiusura di #Malagrotta.
La storia dunque si ripete e Dove finisca l’ostruzionismo della Regione Lazio e dove cominci l’incapacità di governarla non è dato sapere.
Ma le responsabilità oramai sono sotto gli occhi di tutti.

Valentina Corrado
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

“Quasi 500 milioni di euro, questo è quanto la Regione

ISCRIZIONE PALERMO SERIE B COVISOC – La Covisoc ha bocciato

Risoluzione in dirittura d’arrivo scrive il sottosegretario del Ministero del

Piccole esperienze diventano grandi avventure da ricordare per tutta la

Oltre 16 chilometri di gara e circa 1.100 metri di

Il 18 luglio scorso, in tutto il territorio nazionale, si

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.