L’Italia riparte dai comuni

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
Fraccaro

I Comuni rappresentano il primo presidio dello Stato sul territorio, sono enti fondamentali in virtù delle loro caratteristiche di prossimità e partecipazione che possono garantire ai cittadini. Per questo abbiamo voluto imprimere una svolta non solo rispetto al rapporto con gli enti locali, ma anzitutto rispetto al modello di politica economica che si vuole adottare: è attraverso gli investimenti sostenibili e diffusi su tutto il territorio che si fa ripartire il Paese.

Nell’ultima legge di bilancio abbiamo stanziato 400 milioni di euro a tutti i piccoli Comuni per opere di messa in sicurezza delle infrastrutture. Con il Decreto Crescita abbiamo stanziato ulteriori risorse: 500 milioni di euro assegnati tutti i comuni d’Italia, in proporzione agli abitanti, e destinati alle opere di efficienza energetica e sviluppo sostenibile. Questo dato estremamente positivo è stato certamente agevolato anche da una norma contenuta nel nostro Decreto Milleproroghe di luglio 2018, che ha consentito di liberare un ulteriore miliardo di euro di risorse con lo sblocco degli avanzi di amministrazione 2018 degli enti territoriali. È grazie a politiche di questo tipo che gli investimenti dei comuni nei primi tre mesi del 2019 sono cresciuti del 13,8%. Con la prossima legge di bilancio abbiamo due obiettivi: da un lato, potenziare ulteriormente la voce investimenti, e io personalmente mi batterò affinché siano sostenibili sul piano ambientale e diffusi su tutto il territorio in maniera capillare. Dall’altro lato, ridurre le tasse per alleggerire sempre di più la pressione fiscale sui cittadini, per dare ossigeno alle famiglie e alle imprese che sostengono i consumi e la produttività del nostro Paese. Imposteremo il negoziato con l’Ue per aumentare al massimo le risorse da concentrare lungo queste due direttrici.

I Comuni sono al centro di questo progetto, perché la tenuta di un edificio si misura a partire dalla solidità dei suoi pilastri. Ed è nostro dovere continuare a fornire tutti gli strumenti affinché questi pilastri della Repubblica, i 7.914 Comuni su cui poggia il nostro Paese, possano dare slancio e fermezza all’Italia

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

La chiamano la Coppa delle incognite perché il nuovo regolamento

A parlarne è stato il prof. Francesco Saverio Mennini (Università

Il Programma Apollo fu concepito originalmente dall’amministrazione #Eisenhower come proseguimento

Con un’interpellanza Andrea Bertani dei Cinquestelle chiede l’intervento della Regione

Il Verona torna in Serie A dopo un anno in

Approvato questa mattina dalla Giunta comunale il Rendiconto finanziario ed

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.