#LottaalCaporalato 🔴 Si disponga la riapertura del centro di accoglienza di Palazzo San Gervasio

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
caporala

“Auspichiamo che la Regione Basilicata avvii al più presto le pratiche necessarie per l’apertura del centro di accoglienza per i braccianti stagionali di Palazzo San Gervasio. Il rischio è che i migranti tornino a vivere in baracche e in alloggi di fortuna, alimentando quel sistema di illegalità proprio del fenomeno del caporalato che in questi territori è ancora radicato”.

È quanto affermano il segretario generale Cgil Basilicata Angelo Summa e il segretario generale Flai Cgil Basilicata Vincenzo Esposito.

“I ritardi da parte del governo regionale e l’indisponibilità per ragioni di sicurezza da parte del Comune di Palazzo San Gervasio ad aprire il centro mette a repentaglio tutto il lavoro svolto fin qui per il contrasto al caporalato nella nostra regione – continuano Summa ed Esposito – Ricordiamo che l’ex tabacchificio di Palazzo San Gervasio ha accolto fino a 400 lavoratori stagionali, offrendo servizi igienico sanitari, una mensa, un poliambulatorio e il trasporto dal centro ai campi grazie a un accordo tra le organizzazioni agricole e le organizzazioni sindacali di categoria Flai Cgil, Fai Cisl e Uila Uil. Snodo, quest’ultimo, fondamentale per ripristinare la legalità nel settore ed evitare tragici incidenti che purtroppo sempre più spesso la cronaca ci racconta.

Come Cgil – concludono i sindacalisti – continueremo a monitorare la situazione attraverso il #sindacatodistrada, che ci vede impegnati nei luoghi di lavoro o nei posti di ritrovo, nelle piazze o nelle rotonde dove vengono a volte ingaggiati i migranti dai caporali, incontrando i lavoratori, diffondendo materiale informativo e contratti tradotti in diverse lingue, fornendo supporto circa i servizi.

L’apertura di Palazzo San Gervasio è indispensabile per consentire di proseguire le attività di contrasto al capolarato e ripristinare la legalità. La Regione Basilicata convochi subito le organizzazioni sindacali e dia seguito agli impegni assunti negli anni passati, specialmente alla luce di un incontro che si è svolto oggi in Prefettura e al quale le sigle sindacali non state coinvolte”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

Sicuramente le condizioni meteo-marine in cui è accaduto l’episodio di

“Neppure i #navigator credono a #DiMaio. Così come molti cittadini

Nel corso della mattinata di giovedì 20 giugno, i Carabinieri

AL 1° LUGLIO ADDIO SCONTRINO FISCALE PER CIRCA 2800 ESERCIZI

Paradossalmente Roma deve molto al degrado delle sue strutture, alle

A TUTTI I CITTADINI CON MENO DI 29 MILA EURO

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.