Lula a Roma. E’ il primo viaggio all’estero dopo i 580 giorni di carcere

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
lula

L’ex presidente brasiliano Luiz Inacio Lula da Silva sarà a Roma dove incontrerà Papa Francesco per discutere di “diseguaglianza, intolleranza e lotta contro la fame”. Lo ha reso noto lo stesso Lula su Twitter, nonché il sito ufficiale del Partito dei Lavoratori (Pt, sinistra) di cui è uno dei fondatori.

“Farò visita a Papa Francesco per ringraziarlo, non solo per la solidarietà che mi ha dimostrato in un momento difficile ma anche, e anzitutto, per quanto si dedica alla causa del popolo oppresso”, ha scritto Lula su Twitter. In una recente intervista l’ex presidente ha detto che “il papa si contraddistingue per la sua coerenza, per aver fatto che la Chiesa cattolica dimostri un impegno più importante con il popolo” ed è una personalità “impegnata da sempre a favore della difesa dei diritti umani”.

Il viaggio a Roma di Lula – 74 anni, presidente del Brasile dal 2003 al 2011 – costituisce il suo primo spostamento all’estero da quando, lo scorso 8 novembre, è stato scarcerato dopo 580 giorni di carcere.

Fortebraccio News

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

I focolai di morbillo continuano “a diffondersi rapidamente in tutto

Oggi a Milano, alla settima edizione di TuttoFood, ho visitato

Aggressione a un senzatetto con acido alla Stazione, l’intervento dell’assessore

“Una Chiesa martiriale può parlare con maggiore libertà, specialmente nell’affrontare

“Mattia Santori annuncia che scenderà in piazza con Stefano Bonaccini,

Un’eccellenza tutta italiana. Cultura, Cibo, storia? Alla lunga lista delle

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.