#M5S TUTELIAMO IL DIRITTO AL LAVORO, PRESENTATA INTERROGAZIONE AL MINISTERO DELL’INTERNO E DEL LAVORO!

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
bozzetti

Insieme alla Portavoce Valentina Palmisano da tempo stiamo seguendo una questione che ha visto coinvolti alcuni lavoratori delle Ditte pugliesi Gial Plast ed Ecotecnica, operanti nel servizio di raccolta rifiuti, che si sono visti notificare delle lettere di licenziamento a causa di una interdittiva antimafia disposta nei confronti delle aziende datrici di lavoro.

A causa di alcuni carichi pendenti, a questi ultimi è stata contestata una incompatibilità con le prescrizioni normative in materia di legge antimafia, ma in molti casi si tratterebbe di carichi pendenti molto risalenti nel tempo (20/25 anni fa) e non riferibili ad ipotesi di possibile infiltrazione mafiosa (ad esempio furto di bicicletta).

Per questo abbiamo presentato al Ministero dell’Interno e al Ministero del Lavoro una interrogazione sulla questione chiedendo quali iniziative intendano porre in essere per impedire che l’applicazione della «interdittiva antimafia» generi risvolti abnormi, come nel caso di lavoratori che hanno scontato condanne risalenti a 20-25 anni fa, non attinenti a reati di stampo mafioso.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

La proposta nasce da un’iniziativa italiana che coinvolge ricercatori e

Sarti, Fattori (Sì): Approvata dal Consiglio Regionale nostra proposta per

E’ ricominciato il delirio supermercati a Milano, la paura di

– patrimoniale sulle grandi ricchezze, – lotta seria all’evasione fiscale,

“Se non rispettiamo queste regole che sono state introdotte” con

26 – 31 ottobre 2020 Roma Anche quest’anno la Città

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.