ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish

Ma che fine ha fatto Immuni?

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
arcuri

Una domanda che il sarcastico Domenico Arcuri, il commissario delle mascherine introvabili a 0,50 centesimi, definirebbe da «liberista da divano»: ma che ne è della app Immuni che avrebbe dovuto obbligatoriamente, tassativamente, imprescindibilmente pilotare la fase di riapertura dopo il lockdown.

Che ne è del poderoso sforzo intellettuale della task force chiamata dal ministro competente, che pure dovrebbe occuparsi dell’ innovazione (si fa per dire), a tracciare le tracce del tracciamento indispensabile per poter liberare gli italiani? La risposta innovativa è la seguente: boh.

Siamo stati per mesi, non per giorni, ma per mesi, a discutere di privacy, di efficacia di un sistema che dovrebbe seguirci ovunque pur di battere la diffusione del virus, abbiamo disquisito con passione sulla legittimità di un eventuale obbligo a scaricare la app, ci siamo abbeverati ai consigli di chi fissava la percentuale raggiunta la quale saremmo stati tutti più tranquilli, 60 per cento?, 39?, 8 e mezzo?, abbiamo dato persino fiducia alla task force e alla ministra che l’ ha formata. E ora? E ora boh.

Era uno scherzo, una battuta, una barzelletta per farci tornare di buon umore dopo la tristezza della detenzione a casa. Sono passate tre settimane dalla prima parziale riapertura del 4 maggio, data nella quale la salvifica app avrebbe dovuto dispiegare la sua potenza: ma niente, di Immuni nemmeno l’ ombra. È passata una settimana dal 18 maggio da quando è stato proclamato il principio del libero spritz in libero Stato, ma niente, Immuni ha fatto la fine della mascherina a mezzo euro prezzo calmierato: la fine del nulla, il nulla più totale.

E noi, senza app e con la mascherina a prezzo non calmierato dal commissario anti-liberista, ancora ci chiediamo: ma allora a che diavolo serve questo test sierologico? Lo faccio o non lo faccio? Mio cognato l’ ha fatto, lo faccio anche io? È utile, è un bel gesto nei confronti della comunità, dobbiamo pungerci il dito per vincere insieme questa guerra oppure no? Che dice l’ autorità competente, serve o non serve? Boh. Intanto però andiamo di lanciafiamme contro quegli indisciplinati della movida, che stanno sempre con il telefonino in mano, ma della app Immuni non ne sanno niente. Ed è la fase 2, figurarsi la 3. (Pierluigi Battista – il Corriere della Sera)

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

CON I 6 MILIONI DI CONTRIBUTI PUBBLICI ALL’EDITORIA CHE AVRESTI

“Finalmente! E’ una soddisfazione leggere sui giornali le dichiarazioni di

Il 99% dei lettori NON legge gli articoli, ma si

gallera

Milano  “L’ex assessore Gallera non può essere certo considerato unico

dadone

La pandemia ha fatto mettere in primo piano i giovani,

Sono in fase di completamento, tra via del Divino Amore

ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.