Macchine per edilizia, numeri da record per il mercato italiano

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
edilizia

Macchine per edilizia: buone notizie dal mercato italiano, che segna un incremento del 14,5% nel secondo trimestre 2019 rispetto allo stesso periodo 2018.

La situazione relativa alle vendite delle macchine per edilizia e movimento terra in Italia confermano l’ottimo stato di salute di un mercato in forte crescita nell’ultimo anno. I dati forniti dall’Osservatorio vendite macchine e impianti per le costruzioni del CRESME – Centro di ricerche del mercato edilizio – promosso da Cantiermacchine Ascomac, sono tutti all’insegna del più: +14,5% nel secondo trimestre 2019 rispetto allo stesso periodo del 2018 che, tradotto, significa 4224 macchine vendute o destinate al noleggio.

Un’espansione certificata anche dai dati Istat per quanto concerne il commercio estero: le esportazioni di macchine per le costruzioni in ambito edilizio e lavori stradali segnano un +6,1% rispetto al primo trimestre 2018, con un attivo di 506,4 milioni (+6,8% su base annua); crescono, ma in misura inferiore, le importazioni (+4,7%) nel primo trimestre rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.

I dati dell’Osservatorio si soffermano anche su ogni singola tipologia di macchine. Analizzandoli nel dettaglio, scopriamo che il settore che ha beneficiato di una crescita maggiore nel secondo trimestre 2019 è quello dei sollevatori telescopici, grazie a un +284,6% pari a 50 macchine vendute/noleggiate. Tutte le diverse tipologie di macchine sono in aumento: gli S.Front.<= 6.3 registrano il +187,5%, gli S.Front.10.1-13 il +200%, mentre gli S.Front.60.1-13 addirittura il +475%, portando da 3 a 23 le vendite rispetto al 1° trimestre 2019.
Al secondo posto, in ordine d’incremento percentuale tendenziale, si trovano i rulli, che con 107 macchine vendute o destinate alle flotte noleggio superano le vendite del 2° trimestre 2018 di quasi 20 macchine, pari al +20,2%: rulli monotamburo +35,3% e rulli tandem +18,3%. Nel complesso, bene anche le terne, che tornano a registrare un aumento delle vendite/noleggi, grazie ad un +19,6% su base annua.

Nel novero delle macchine movimento terra tradizionali, che registrano un incremento di mercato pari al 19% rispetto al secondo trimestre 2018, spiccano soprattutto i miniescavatori, la tipologia più venduta all’interno del settore (+12,8% rispetto al secondo trimestre 2018) e gli skid loaders (+15,5% rispetto al secondo trimestre 2018).

Ma quali sono i principali paesi nel mondo ad importare le macchine movimento terra italiane? Tra i primi 30 paesi destinatari dell’export, rappresentativi del 79,5% dell’export italiano, troviamo sempre al primo posto gli USA, seppur in calo del -5,9% rispetto al primo trimestre 2018; segue la Francia con un +10,2% in questo inizio anno; terzo posto per il Regno Unito (+70,6%) che scavalca la Germania, anch’essa comunque in aumento del 9,3%. Sorprende l’Egitto, salito al 7° posto con un incremento di macchine italiane acquistate pari a +256,9% e, in negativo, India e Cina che segnano rispettivamente -34,5% e -60,8%.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

PER LA PRIMA VOLTA NEL LAZIO È RIFIUTI FREE ANCHE

Accogliamo con parziale soddisfazione l’approvazione dell’emendamento alla manovra finanziaria che

Perché non se ne tornano indietro e aiutano a sistemare

Va all’HF Lorenzoni la seconda edizione della Supercoppa femminile di

Ho aspettato la firma del Capo dello Stato per parlare.

Continua il periodo nero dell’acciaio italiano: a un anno dall’acquisizione

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.