Macron: “Importante adesso rafforzare e strutturare un’Europa politica”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
macron

“Se cerco di guardare oltre il breve termine, direi che dobbiamo avere due assi forti: ritrovare le modalità per una cooperazione internazionale utile che eviti la guerra, ma che consenta di rispondere alle sfide contemporanee; costruire un’Europa molto più forte, che possa far valere la sua forza, mantenendo i suoi principi, in uno scenario così rifondato”. Così il presidente francese, Emmanuel Macron, su ‘Il Corriere della sera’ parla della ‘rotta’ da seguire adesso, in questo 2020 che è stato “costellato di crisi”, quella, “dell’epidemia di Covid-19 e quella del terrorismo”. “Per risolverle nel miglior modo possibile – osserva Macron – dobbiamo collaborare”.
In questo momento, aggiunge, “ritengo che un’ulteriore rotta da seguire sia anche l’importanza di rafforzare e strutturare un’Europa politica. Ciò presuppone che si prenda atto del fatto che gli ambiti della cooperazione multilaterale oggi sono diventati fragili, perché sono bloccati: non posso far altro che constatare che il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, oggi, non produce più soluzioni utili; siamo tutti corresponsabili quando alcuni diventano ostaggio delle crisi del multilateralismo, come l’Oms”. Il presidente Francese parla anche del “relativismo contemporaneo” come di “una frattura” e che “fa il gioco di potenze che non sono a proprio agio nell’ambito dei diritti umani delle Nazioni Unite”, come “la Cina e la Russia. E credo che siamo a un punto di rottura anche rispetto al post-1989”. Lancia “il ‘Consenso di Parigi’, che però sarà il consenso di tutti”. E ancora si concentra sul sistema finanziario che ha portato innovazione ma ha aumentato le diseguaglianze, sul sistema capitalistico, sul clima, e su “un fatto nuovo ma che si sta strutturando in modo perverso” come “i social network e internet”, e infine “il cambiamento demografico”. Per un nuovo multilateralismo serve “l’Europa della difesa”; la “credevamo impensabile, l’abbiamo realizzata.
Avanziamo nel campo dell’autonomia tecnologica e strategica, mentre tutti erano rimasti sorpresi quando ho iniziato a parlare di sovranità sul 5G”. In particolare sull’Europa “penso che siamo un’area geografica coerente in termini di valori, in termini di interessi e che è bene difenderla in sé. Siamo un’aggregazione di popoli e culture diverse; qualcosa ci unisce.
Sentiamo le nostre differenze quando siamo tra europei, ma proviamo nostalgia quando lasciamo l’Europa. Sono sicuro di una cosa: non siamo gli Stati Uniti d’America; gli Stati Uniti ci rispetteranno come alleati solo se rimarremo seri con noi stessi e se saremo sovrani con la nostra stessa difesa. Quindi penso che, al contrario, il cambiamento di amministrazione americana sia un’opportunità per continuare in modo totalmente pacifico e sereno quello che degli alleati devono capire: dobbiamo continuare a costruire la nostra autonomia per noi stessi, come gli Stati Uniti fanno per loro, e come la Cina fa per sé”.
“È in atto una lotta positiva volta a fare dell’Europa la prima potenza educativa, sanitaria, digitale e verde – conclude – queste sono le quattro grandi battaglie, che ci permetteranno di affrontare queste quattro grandi sfide. Ritengo che ci sia una seconda sfida: l’Europa deve riaccendere la fiaccola dei suoi valori. Il terzo grande progetto europeo è il cambiamento di prospettiva nei confronti dell’Africa e la reinvenzione dell’asse afro-europeo. È la lotta di una generazione, ma credo che sia fondamentale per noi”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

Settimana prossima, dal 31 marzo in poi si potranno presentare

“Urge discutere provvedimenti per sanzionare gli sforamenti. Abbiamo depositato una

“Io qui vomito di tutto, vediamo se fa il fenomeno.

Il disegno di legge di bilancio è da 34,8 miliardi,

“Se gli interventi non funzionassero arriveremmo a Natale nel pieno

“Ieri sera mi ha chiamato Renzi. Mi ha informato di

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.