ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish

Maggiori tutele per gli orfani delle vittime di femminicidio

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
bonafede

La legge sul c.d. “codice rosso” rappresenta un passo importante nella lotta contro la violenza sulle donne, sia nella parte sanzionatoria (inasprimento delle pene e configurazione di nuovi reati) sia nella parte in cui punta alla prevenzione. Presto, analizzeremo i risultati del primo anno di vigenza della legge.

Ma lo Stato non deve fermarsi a questo. Quando si verifica un “femminicidio” dobbiamo pensare a quei figli che rimangono orfani e la cui vita rimarrà segnata per sempre.
Per questo, è diventato operativo il Regolamento per il sostegno agli orfani di crimini domestici e di reati di genere che definisce l’erogazione dei fondi per borse di studio, iniziative per l’inserimento nell’attività lavorativa, aiuti economici in favore delle famiglie affidatarie e spese mediche e assistenziali.

Questo si aggiunge al decreto interministeriale sottoscritto lo scorso novembre, grazie al quale già nel 2020 sono stati erogati indennizzi per 1,6 milioni di euro alle vittime dirette di reati intenzionali violenti.

Gli indennizzi per aiutare gli orfani e i coniugi delle vittime di omicidio sono passati da 7.200 a 50mila euro, e per gli orfani di genitore ucciso dal coniuge da 8.200 a 60mila euro. Inoltre, gli indennizzi destinati alle spese mediche sono stati portati a 10mila euro.

Sia chiaro. Nessun indennizzo può nemmeno lontanamente cancellare le conseguenze di una vera e propria tragedia. E’ però un segnale di attenzione dello Stato che, come obiettivo primario, deve continuare la battaglia senza sosta, anche a livello culturale, per proteggere le donne e i loro figli.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

La Spal abbandona l’ultimo posto in classifica con una prestigiosa

violenza

I dati dell’indagine Istat relativa all’anno 2017 evidenziano come in

Collaborazione nella lotta ai fenomeni di illecito trasferimento e detenzione

Wind Mobility si scusa con la cittadinanza di Trento ed

conte

Al terzo giorno, l’”avvocato del popolo” ha parlato. A un

Nell’ambito dell’edizione 2019 di Châteaux Ouverts, l’Assessorato del Turismo, Sport,

ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.