MANNcaffé: rinnovato l’allestimento della caffetteria del Museo

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
museo

Alla riapertura dell’Archeologico, spazi interni ed esterni con immagini d’epoca delle collezioni e degli ambienti
Un viaggio fotografico tra fine Ottocento e primo Novecento per scoprire la storia dell’Istituto
Un viaggio nel tempo sorseggiando un espresso: alla riapertura de​i Musei, il MANNcaffé ospiterà i visitatori con un “look” rinnovato.
Negli spazi antistanti e nelle sale della Caffetteria gestita dal consorzio arte’m net, infatti, saranno allestiti grandi pannelli con fotografie d’epoca in bianco e nero, che racconteranno il Museo Archeologico Nazionale di Napoli nel suo volto storico tra fine Ottocento e primi del Novecento.
Si procederà, dunque, in un suggestivo gioco di rimandi tra interni ed esterni della caffetteria: tra i tanti capolavori delle collezioni museali, il busto di Caracalla e l’Eros con delfino, la cosiddetta Agrippina seduta ed il gruppo scultoreo di Oreste ed Elettra (tutte foto Alinari) osserveranno, complici, chi si fermerà per una pausa relax nella saletta da tè; di fronte al bancone del bar saranno riprodotte le vetrine che, alla conclusione del XIX secolo, ospitavano la collezione dei vetri rinvenuti a Pompei, suggerendo una simmetria tra la quotidianità di ieri e quella di oggi (gli scatti sono di Giorgio Sommer); all’ingresso del MANNCaffè, sarà possibile ritrovare le immagini del Giardino della Vanella negli anni Trenta.
Il progetto di allestimento è firmato dalla graphic designer Francesca Pavese, in collaborazione con l’arch. Andrea Mandara, e si basa su una ricerca compiuta dall’Archivio Fotografico (Responsabile: Laura Forte) e dall’Ufficio Museologia e Documentazione Storica (Responsabile: Andrea Milanese) del MANN. ​

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

Altro che la “Vita in vacanza” cantata da Lo Stato

Tre agenti penitenziari in servizio nel carcere fiorentino di Sollicciano

Il problema dei titoli di studio e della conseguente occupazione

Dalle pagine di Repubblica, oggi, don Luigi Ciotti invita i

Diffondere negli istituti penitenziari minorili i valori e i principi

La Capitale conferma il proprio indissolubile legame con la “settima

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.