MANOVRA, CODACONS: NO AD AUMENTO ACCISE SU GASOLIO

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
benzina

COSTEREBBE FINO A 2,25 MILIARDI DI EURO AD AUTOMOBILISTI

RIPERCUSSIONI SUI PREZZI DEI PRODOTTI TRASPORTATI E RAFFICA DI RINCARI PER CITTADINI

Se la Manovra allo studio del Governo conterrà il riallineamento delle accise tra benzina e gasolio, sugli automobilisti italiani si abbatterà una mega-stangata da 2,25 miliardi di euro. Lo denuncia il Codacons, commentando gli interventi messi a punto dai tecnici del Governo per reperire le coperture finanziarie alla Manovra.

In base alle elaborazioni Codacons, la parificazione di accise tra benzina e diesel determinerà una maggiore spesa per il pieno di gasolio pari a circa +5,15 euro, il che equivale ad un aggravio di spesa di +130 euro all’anno a carico di ciascun automobilista che circola con auto diesel.

Considerato che nel nostro paese 17,3 milioni di italiani possiedono una autovettura a gasolio, la Manovra potrebbe determinare nel 2020 una stangata complessiva da 2,25 miliardi di euro solo per i maggiori costi diretti da rifornimento.

Conseguenze pesantissime si registrerebbero inoltre anche sui prezzi al dettaglio – denuncia il Codacons – Tutti i prodotti trasportati su gomma (che in Italia rappresentano l’86,5% del totale) subirebbero rincari dei prezzi, considerato che i costi di trasporto incidono per lo 0,5% sui listini al dettaglio e che gli autotrasportatori non potrebbero godere delle accise più basse rispetto alla benzina.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

Tutto è ormai pronto per il grande Raduno formativo del

STROMBOLI, CODACONS: TURISTI PRESENTI SULL’ISOLA HANNO DIRITTO AD ANNULLARE VACANZA

“La nuova legge regionale n. 3 del 29 maggio 2019

Timeless, attualità dell’antico Dal mare alla tavola Museo Archeologico Nazionale

Il Presidente di Coldiretti, Ettore Prandini, e il Chief Refining

«La responsabilità di un pronto soccorso malato grave come quello

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.