ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish

Marin: “Imprese, servono subito contributi a fondo perduto”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
lavoro

“La CGIA di Mestre ci ricorda che il 40% delle micro imprese è a rischio chiusura. Si parla di 1,7 milioni di attività costituite da imprese dei servizi, negozianti, botteghe artigiane, partite Iva che impiegano fino a 10 addetti. I settori più colpiti sono i bar, i ristoranti, le attività ricettive, il piccolo commercio, la cultura e l’intrattenimento. Queste imprese hanno bisogno e vogliono assistenza per riprendere a correre. Non chiedono, non vogliono e soprattutto non serve l’assistenzialismo tanto caro al governo delle quattro sinistre. Ed oltre a fare poco o nulla i giallorossi si permettono anche di ridicolizzare chi lavora e lotta per stare aperto invitando per esempio i titolari di ristoranti vuoti a cambiare lavoro! Su questi dati il governo giallorosso non può continuare a far finta di nulla. Non può continuare a far finta di non vedere che alle imprese devono arrivare aiuti concreti prima che sia troppo tardi. Servono subito contributi a fondo perduto, spostamento delle scadenze fiscali a fine 2020 e certezza nell’erogazione dei mini prestiti garantiti dallo Stato. Purtroppo il governo giallorosso non fa nulla di tutto questo. Un errore imperdonabile nei confronti delle imprese e delle famiglie Italiane”. Così in una nota Marco Marin, deputato di forza Italia.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

Troppo impegnato a contrastare i Decreti del Presidente del Consiglio,

poverta

In Italia, nel 2020 la quota di poveri raggiunge i

L’Italia rischia la paralisi. Silvio Berlusconi, leader di Forza Italia,

CODACONS LANCIA AZIONE COLLETTIVA CONTRO ORGANIZZATORI VOUCHER E’ STRUMENTO ILLEGALE

Uomo politico illuminato e lungimirante, dagli alti valori etici, ancora

Il terrorismo islamico, la crisi economica, i migranti ed oggi

ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.