Masi storici della Val Gardena, progetto per la salvaguardia

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
1039029__no-name_

L’esposizione “Mejes – Bauernhöfe in Gröden. Gedächtnis einer Landschaft”, allestita presso la Casa della Cultura a Ortisei, mostra le particolarità degli antichi masi della val Gardena attraverso le immagini in bianco e nero del celebre fotografo d’architettura Václav Šedý. L’esposizione, aperta fino al 31 gennaio 2020, nata su idea di Wolfgang von Klebelsberg, è parte dell’omonimo progetto del Museum Gherdëina che punta alla salvaguardia e valorizzazione dei tipici conglomerati agricoli gardenesi. La mostra, accompagnata da un catalogo, edito dalla rinomata casa editrice milanese Officina Libraria, costituisce lo spunto per giungere ad un dialogo articolato fra la politica, l’amministrazione, i proprietari e gli esperti. Regione e Provincia sostengono il progetto.

L’assessore regionale Manfred Vallazza, in occasione di una recente visita all’esposizione, parlando con i responsabili di progetto ha valutato varie possibilità di un sostegno concreto accennando ad esempio un’attività di ricerca scientifica più approfondita sulla realtà dei masi storici ed anche alla sensibilizzazione di ingegneri, architetti e geometri sull’importanza e bellezza di questi edifici. Nel corso dell’incontro ha ricordato come il suo impegno per i prossimi anni quale rappresentante dei ladini si concentrerà nella cura e salvaguardia del paesaggio e della tipica architettura rurale.

L’assessore provinciale alla cultura ladina Daniel Alfreider, da parte sua, ha già segnalato al Museum Gherdëina il suo sostegno al progetto. A colloquio con i responsabili ha manifestato come il problema della scomparsa latente di questo patrimonio culturale architettonico sia noto anche alla politica provinciale. “La Provincia intende collaborare con il museo al fine di individuare misure volte alla salvaguardia dei masi contadini storici della Val Gardena, tra i quali ve ne sono alcuni con più di 700 anni” ha affermato l’assessore ricordando come essi testimonino la vita contadina degli antenati ladini e che pertanto costituiscono un patrimonio culturale rilevante. “Un riconoscimento per progetti ben riusciti potrebbe costituire un incentivo per il mantenimento dei masi storici, analogamente a quanto avviene per le viles della val Badia”, ha affermato l’assessore Alfreider.

L’esposizione “Mejes – Bauernhöfe in Gröden. Gedächtnis einer Landschaft”, è visitabile presso la Casa della Cultura a Ortisei, in estate, da lunedì a sabato dalle ore 15 alle 18, la domenica dalle ore 10 alle 12.30. L’ingreso è libero. Resterà aperta fino al 31 gennaio 2020.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

Rieccolo in onda in Rai. Gad Lerner nella sua prima

“L’Aeronautica è oggi un elemento di pregio della Difesa italiana

LA LETTERATURA A CAVALLO DELLA FRONTIERA FRANCO-ITALIANA NEL RENCONTRE EUROPEENNE

LE ASSOCIAZIONI DELLA CAMPAGNA “CAMBIA LA TERRA”: BENE L’INTERROGAZIONE PARLAMENTARE

Oggi la Giunta provinciale ha approvato, su indicazione dell’assessore provinciale

Montalti: “Una duplice opportunità per riqualificare e migliorare un’area a

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.