MASSONERIA DEVIATA E ‘NDRANGHETA

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
pignedoli
Nel processo “Rinascita Scott” che si sta celebrando contro la ‘ndrangheta a Lamezia Terme con 325 imputati, emerge il ruolo di primo piano ricoperto dalla massoneria. Viene disegnata una nuova geografia, fatta di logge massoniche deviate che punteggiano tutta la Calabria e facilitano le interazioni tra ‘ndrangheta, politica e l’imprenditoria. In questo processo contro le mafie, secondo per mole solo al maxiprocesso di Palermo, ci sono 58 collaboratori di giustizia che stanno parlando e svelando alcune di queste relazioni, come scrive Gianluigi Nuzzi in un circostanziato articolo apparso oggi sulla “Stampa”.
Vibo Valentia è il centro della massoneria, sia legale che deviata, dove su 18 maschi maggiorenni uno è massone. A Vibo logge riconosciute (Carducci, Monteleone, Murat e Benedetto Musolino) sono affiancate da quelle coperte (Erbert, san Mango d’Aquino, Petrolo) e stando a intercettazioni e pentiti a volte si interconnettono.
Logge non segnalate alla prefettura frequentate da personaggi che ricoprono cariche istituzionali, i cosiddetti “sussurrati all’orecchio”, e i “sacrati sulla spada”, con precedenti penali, anche ‘ndranghetisti.

A Crotone esisteva la loggia Pitagora guidata da un esponente di spicco della ‘ndrangheta di Belvedere Spinello. I rapporti stretti con la massoneria sono stati confermati da intercettazioni al potente boss Nicolino Grande Aracri, che tesseva le fila anche della ‘ndrangheta emiliana.

 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

Lorenzo Insigne è il 7° giocatore a segnare 100 gol

“Nell’era velocissima dei social è sempre più difficile immortalare momenti

Sentirsi ansiosi e spaventati per il ritorno della malattia è

L’ ‘annus horribilis’ segna una straordinaria défaillance della Scienza medica.

Era la prima volta che una donna andava a ricoprire

«Un giorno importante per la Sicilia e per la stagione

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.