ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish

MEDICI E POTERE: LA POLITICA SECONDO MEDUSA

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
scandurra maurizio

ARTICOLO TRATTO DA IMOLAOGGI.IT
Il giornalista cattolico Maurizio Scandurra evidenzia le fratture che iniziano a minare il rapporto Governo-virologi.

Il Professor Andrea Crisanti va in onda a La7 a ‘Piazzapulita’ da Corrado Formigli ed è subito “lockdown”, “lockdown”, “lockdown”. Sembra che quest’uomo non conosca altro termine che questo per porre fine all’italica traversata del Covid-19 (ammesso e non concesso che questa ‘tecnica’ salutistica sia poi realmente la panacea di tutti i mali).
Visto che gli piace così tanto, e che musicalmente ci sta perfettamente a tempo, lo propongo hic et nunc per un featuring con i mitici Kool & The Gang in un probabile remake 3.0 della loro hit mondiale Get Down On It al grido di “Get down”, “Get down”, “Get down”: poiché i virologi ormai fanno tutto, anche i politici, già che ci siamo vediamo almeno come se la cavano pure nei panni dei cantanti, no? Sanremo 2021 intanto è alle porte (ma dubito, di questo passo).
Siamo ancora nella merda contingente di un’ennesima prigionia trasparente imposta (che logora da dentro pesantemente anime e menti, economia e salvadanaio) secondo i colori tipici dei semafori urbani, che questo novello menagramo in camice bianco prosegue imperterrito nel continuare a dipingere scenari apocalittici: capaci di ingenerare terrore negli italiani già confusi alle prese con problemi ben maggiori di denaro, lavoro, occupazione e portafogli vuoti. E più che lecitamente preoccupati, anche e soprattutto perché il loro piatto piange ormai a dirotto da mesi.
Abbiamo visto come la misura della chiusura totale si sia di fatto rivelata nel tempo un ‘effetto placebo’ (con tutti i DPCM Conte a essa correlati): anche un idiota capisce bene da sé che i contagi scemano con il blocco totale del Sistema-Italia: ma ripartono a bomba al progressivo nuovo ‘via libera’.
Così non si risolve il problema. Si fa un po’ come le lucine del presepio, a intermittenza. Forse che ci hanno presi tutti per fermi-immagine destinati a cronicizzarsi nel tempo?
Certo che non è questa la strada da percorrere, perché così si arresta anche la vita. Di un popolo. Di una nazione. Di uno Stato a rischio estinzione. Non siamo ancora arrivati a Natale, che l’uccello del malaugurio in formato medico – lui come tanti altri, Fabrizio Pregliasco in testa – preannuncia (come la più inquietante delle civette) altri periodi di buio. Terza ondata, quarta ondata e via dicendo.
Mentre Vittorio Sgarbi saggiamente sottolinea come i dati di mortalità attribuiti al Coronavirus siano per lo più realmente attribuibili a un sistema terroristico dell’informazione che mira ad amplificare il problema sino a trasformarlo in una peste. Alessandro Meluzzi rincara giustamente la dose parlando invece a ragion veduta di ‘psico-info-pandemia’ per circoscrivere e inquadrare ragionevolmente lo scenario contingente. E intanto, per la gioia dei sinistronzo-populisti, anche la Toscana è stata proclamata ‘Zona rossa’ (in tutto, ambito sanitario incluso).
Nel mentre Vincenzo De Luca minaccia querele all’igienista Walter Ricciardi. Che stia forse cambiando qualcosa? Infettivologi, epidemiologi, virologi: un tempo alleati-risorsa per clamorosi scaricabarile di palazzo e strategie da due soldi, oggi nemici primi da cui difendersi. La politica secondo Medusa: prima fa i figli, e poi li sbrana.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

capone

Allarmano i dati pubblicati dallo Svimez in relazione all’impatto della

Dai dati dell’Osservatorio Inps su precariato riferiti al I trimestre

Vivo in questo posto meraviglioso sulle pendici del Mongibello. Dalla

#Cgil #Cisl #Uil: “Ennesimo grave incidente sul #lavoro. Non bastano

vaccino

Si stimano 83mila sanzioni in arrivo per bimbi scuola obbligo

“Dopo l’attivazione del meccanismo SURE, l’Italia deve presentare al più

ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.