Merkel ad Auschwitz per la prima volta

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
auswich

Angela Merkel per la prima volta in visita nell’ex campo di concentramento di Auschwitz. La cancelliera tedesca è arrivata in occasione del decimo anniversario della Fondazione Auschwitz-Birkenau, che ha il compito di gestire e preservare il sito di cui la Germania è il principale finanziatore. Merkel ha raggiunto il campo assieme al presidente polacco Mateusz Morawiecki, attraversando il cancello sovrastato dalla scritta ‘Arbeit macht frei’.

I due hanno deposto una corona di fiori composta di rose dei colori nazionali di Germania e Polonia davanti al Muro della Morte, dove vennero fucilati migliaia di prigionieri, osservando un minuto di silenzio.

Non ci sarà alcuna tolleranza di fronte all’antisemitismo, in Germania e in Europa, ha dichiarato la cancelliera. Prendendo la parola, ha espresso “profonda vergogna” per le atrocità commesse dalla Germania e sottolineato la necessità di preservare la memoria di ciò che accadde, anche se l’orrore di quei crimini lascia privi di parole. Il silenzio non è la risposta, ha proseguito mettendo l’accento sul fatto che ad essere colpevoli furono i tedeschi. I responsabili devono essere identificati chiaramente:. “Lo dobbiamo alle vittime e a noi stessi”.

Oltre un milione di persone morì nel campo prima della liberazione, nel gennaio 1945, ad opera delle truppe sovietiche. Il governo federale tedesco e i 16 Land hanno pianificato un contributo aggiuntivo per la Fondazione di 60 milioni di euro.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

I paesaggi di Carlo Mastronardi riaprono la stagione artistica dell’Assemblea

Un grande patto per rilanciare il Servizio sanitario nazionale. Dieci

Senatore Renzi, il governo rischia di cadere sulla Banca Popolare

Un onore e un’occasione: condividiamo con 120 siti e città

Tommaso Monacelli, economista della Bocconi, e Pasquale Tridico, docente a

“La #Basilicata non sia il cimitero degli elefanti della Campania.

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.