Meteo, inverno addio

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
meteo2-popup

Che qualcosa non vada per il verso giusto, lo si era già capito già a gennaio, un mese avaro di piogge e di freddo. Che potesse andare storto anche a febbraio era nell’aria, ma era lecito nutrire qualche speranza. Purtroppo anche questo mese sembra avere tutta l’intenzione di passare alla storia come uno dei più caldi di sempre. Il team del sito www.iLMeteo.it constata che ieri molti termometri hanno superato i 22°C sia al Nord sia al Centro-Sud (25°C a Catania) e misure vicino ai 20°C a Torino e Milano (18 e 19 rispettivamente), valori decisamente primaverili che invernali. E non è la prima volta che succede.

Di fatto il mese di febbraio si sta trasformando nel primo mese di primavera, anziché l’ultimo dellinverno. Le mimose e le margherite sono già spuntate su tutte le regioni, con un mese di anticipo. Di chi è la colpa? Presto detto; un vortice polare forte come non mai che confina il freddo e il maltempo sull’Europa centro-settentrionale. In queste situazioni da noi arriva l’alta pressione. Ricordiamo che il vortice polare è un enorme serbatoio di aria gelida che gira come una trottola sopra il Polo Nord. Se è forte da noi arriva l’alta pressione (come in questi mesi), se è debole arriva il freddo e la neve. Ebbene fino alla fine di febbraio l’alta pressione, a parte qualche debole incrinatura, sarà la protagonista assoluta del tempo sull’Italia.Il team del sito www.iLMeteo.it comunica che a parte qualche veloce pioggia al Centro-Sud attesa nel giorno di San Valentino, il tempo sarà asciutto e soleggiato con un clima gradevole su tutte le regioni. Anche il weekend si preannuncia soleggiato su tutte le regioni, fatta eccezione per una maggior nuvolosità sulla Liguria e l’alta Toscana (domenica).

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

“Dovrebbe stare molto attento con le parole”. Così il presidente

Di sicuro non è una buona notizia per lavoratrici e

ALLA SACRA BIRRA L’ESPLOSIONE DI DONATELLO CIULLO, IL SUO SASSOFONISTA

Parlano i fatti non le parole. Le polemiche sterili e

Immaginatevi il seguente scenario: al termine della quarantena imposta in

Nella settimana che si è aperta il 25 novembre con

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.