ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish

Migranti, gestione centro: indagati un sindaco del Reggino e altri cinque

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
IMMIGRATI

Una gestione costosa, discrezionale e poco trasparente del centro di accoglienza per migranti di Varapodio, nel Reggino. E’ quella che sarebbe emersa nel corso di una inchiesta, denominata “Cara accoglienza” e condotta dai carabinieri della Compagnia di Taurianova con il coordinamento della Procura di Palmi, che ha portato alla notifica dell’avviso di conclusione indagini a sei persone tra le quali il sindaco di Varapodio, Orlando Fazzolari.

Indagati anche il gestore di una società cooperativa, due titolari di impresa di abbigliamento e due funzionari della Prefettura di Reggio Calabria. Sono indagati, a vario titolo, per falso ideologico (unico reato contestato ai funzionari della Prefettura), abuso d’ufficio, frode nelle pubbliche forniture, corruzione per atti contrari ai doveri d’ufficio, truffa ai danni dello Stato e peculato.

L’inchiesta “Cara accoglienza” ha riguardato la gestione del centro di accoglienza realizzato a Varapodio nell’ex agriturismo ‘Villa Cristina’, attivo dal settembre 2016 all’aprile 2018, dopo una convenzione stipulata tra il Comune e la Prefettura di Reggio, ed è partita nel 2017, poco dopo l’apertura della struttura. Dagli accertamenti, riferiscono gli investigatori, e’ emersa una “gestione personale e discrezionale, caratterizzata da poca trasparenza e correttezza”, soprattutto in riferimento all’affidamento di servizi e forniture alle imprese, ma anche sull’assunzione dei singoli collaboratori che si occupavano della gestione dei migranti.

Fazzolari, in particolare, e’ accusato di aver stipulato convenzioni con affidamenti diretti con imprese da lui scelte senza la preventiva autorizzazione dal Consiglio comunale, il tutto, secondo gli investigatori, in contrasto con la normativa e in violazione del Codice degli appalti e della Convenzione con la Prefettura.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

“Nessuno può essere distolto dal giudice naturale precostituito per legge.

pregliasco

Il virologo su AstraZeneca: “Frittata fatta, comunicazione ha terrorizzato gente”.

Paura ad Aviano, nel pordenonese, dove nella tarda serata del

colombani

Il segretario generale: legge 81 da riformare, i lavoratori non

“Uno che accetta 60mila euro lordi per gestire l’Inps già

DA MERCOLEDÌ UN PO’ MENO SOLE E PIÙ TEMPORALI -L’alta

ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.