Migranti, Gran Bretagna pensa alle rete per fermarli in mare

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
jhonson

Le autorità britanniche potrebbero presto ricorre alle reti per cercare di fermare il crescente flusso di migranti illegali che cercano di entrare nel Paese via mare, attraversando la Manica dalle coste francesi. Secondo quanto riportano oggi i media britannici, il nuovo zar nella lotta all’immigrazione illegale via mare, l’ex marine Dan O’Mahoney, ha confermato che le autorità sono pronte a mettere in campo la cosiddetta ‘tattica del ritorno sicuro’. Il piano prevede appunto l’uso di reti per bloccare le eliche dei motori dei gommoni sui quali viaggiano i migranti, per poi caricarli sulle motovedette che pattugliano la Manica e riportarli subito in Francia. Il metodo proposto, ricorda il Mail Online, è simile a quello sperimentato dalla Royal Navy per intasare le eliche delle imbarcazioni e forzarne l’arresto immediato. L’attuazione di questo nuovo metodo, tuttavia, è destinata a subire ritardi poichè attualmente Parigi si rifiuta di far rientrare questi migranti nel Paese. Dall’inizio dell’anno oltre 7.100 migranti hanno raggiunto le coste britanniche, con una media attuale di oltre 300 al giorno.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

Si alza un vero e proprio polverone che riguarda la

Somministrati quasi 70 tamponi tutti con esito negativo a Panarea.

Roma – È uscito il nuovo Videoclip degli Alan Spicy

Rispettare le tradizioni della Pasqua e portare in tavola carne

È il primo riconoscimento che la città di Roma attribuisce

“Quello che ho detto è quello che penso”. Oliviero Toscani

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.