Migranti, Papa: “Trattati come minaccia, c’è chi non li fa sbarcare”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
papa                                        _500_75_s_c1

“In tutto il mondo uomini e donne migranti affrontano viaggi rischiosi per sfuggire alla violenza, alla guerra, alla povertà. Come Paolo e i suoi compagni sperimentano l’indifferenza, l’ostilità del deserto, dei fiumi, dei mari… Ma, purtroppo, a volte incontrano anche l’ostilità ben peggiore degli uomini. Sono sfruttati da trafficanti criminali; sono trattati come numeri e come una minaccia da alcuni governanti. Tante volte non li lasciano sbarcare nei porti”. E’ il duro j’accuse del Papa in occasione dell’udienza generale nell’Aula Paolo VI. “A volte – dice il Pontefice con dolore – l’inospitalità li rigetta come un’onda verso la povertà o i pericoli da cui sono fuggiti”.

Siamo tutti “fratelli”, “non è cristiano” non riconoscerlo e comportarsi all’opposto, denuncia Bergoglio. “Penso ai tempi passati – dice in un passaggio della catechesi a braccio – Nella mia terra, per esempio, quando venivano alcuni missionari evangelisti, un gruppetto di cattolici andava a bruciare le tende: questo non è cristiano, siamo fratelli, siamo tutti fratelli e dobbiamo fare l’ospitalità gli uni con gli altri”.

“Accogliere cristiani di un’altra tradizione – osserva ancora Francesco – significa in primo luogo mostrare l’amore di Dio nei loro confronti, perché sono figli di Dio, fratelli nostri, e inoltre significa accogliere ciò che Dio ha compiuto nella loro vita. L’ospitalità ecumenica richiede la disponibilità ad ascoltare gli altri cristiani, prestando attenzione alle loro storie personali di fede e alla storia della loro comunità”.

Francesco invita “tutti a pregare per la pace, per il dialogo e per la solidarietà tra le nazioni: doni quanto mai necessari al mondo di oggi”. Il Pontefice, in particolare, nel ricordare che il prossimo 25 gennaio “nell’Estremo Oriente e in varie altre parti del mondo, molti milioni di uomini e donne celebreranno il capodanno lunare”, augura “in particolare alle famiglie di essere luoghi di educazione alle virtù dell’accoglienza, della saggezza, del rispetto per ogni persona e dell’armonia con il creato”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

E’ stata inaugurata nel pomeriggio dal Sindaco Pizzarotti e dall’Assessora

Scatta la nuova prescrizione. La riforma, contenuta nel ddl Anticorruzione

Mettiamola così: se difendere il Paese e le sue istituzioni

Con un imponibile di 48 milioni di euro dichiarati al

Io penso che Azione sarà un partito del Centro, che

GENOVA – Il ponte sul Polcevera continua a prendere forma.

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.