ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish

Misiani: Meno imposte? Cominciamo a tagliare quelle che pesano sul lavoro

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
misiani

“Sull’Iva siamo già intervenuti. Con il decreto Rilancio abbiamo cancellato per sempre gli aumenti previsti dalle famose clausole di salvaguardia, risparmiando agli italiani una stangata da 20 miliardi di euro nel 2021 e da 27 miliardi l’anno successivo”. Lo dice in un’intervista al Corriere della Sera il viceministro dell’Economia, Antonio Misiani.

“Nessuna opzione va tolta dal tavolo. In autunno, quando discuteremo una riforma fiscale organica da inserire nella prossima legge di Bilancio, discuteremo di tutte le imposte, Iva compresa”, aggiunge.

“Di sicuro dobbiamo alleggerire la spada di Damocle dei versamenti fiscali rinviati a settembre e approvare la legge delega che istituisce l’assegno unico per i figli. In prospettiva la priorità è a mio giudizio tagliare le tasse a chi lavora, a chi fa impresa e alle famiglie con figli a carico”, sottolinea Misiani.

“Intanto ricordo che dal primo luglio le buste paga diventano piu’ pesanti, con un aumento che arriva fino a 100 euro al mese, grazie alla misura voluta dal Pd e inserita nell’ultima legge di Bilancio”, prosegue il viceministro.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

AUTOSTRADE, CODACONS: STOP AUMENTO PEDAGGI PORTERA’ RISPARMI AD AUTOMOBILISTI IN

SABATO 27 LUGLIO SI INAUGURA A TORRE PELLICE IL NUOVO

fini

Cento anni fa sarebbe stato possibile a un Governo democratico,

Il governo metropolitano di Tokyo e le tre prefetture adiacenti

palazzo

Durissimo il Codacons contro il decreto sull’ emergenza coronavirus approvato

malpezzi

“Non le voglio riportare le parole vomitevoli e disgustose con

ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.