MISURE DI BUON SENSO PER SCONGIURARE IL LOCKDOWN

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
121529266_729628790960807_1277805053616004508_o

Il lockdown non è all’ordine del giorno e faremo di tutto per evitarlo. Per farlo però abbiamo bisogno che tutti gli italiani si dimostrino, ancora una volta, seri e responsabili.

Nel nuovo DPCM il Governo introduce quindi nuove restrizioni e linee guida per affrontare questo momento delicato.

SCUOLA
Le scuole restano aperte, il lavoro fatto per garantire la sicurezza sta funzionando e non c’è motivo alcuno di chiudere gli istituti. In compenso vengono sospesi i viaggi d’istruzione, le iniziative di scambio o gemellaggio, le visite guidate, le uscite didattiche, le gite scolastiche e le uscite a fini didattici. Rimangono invece consentiti orientamento, tirocinio e percorsi di formazione.

BAR, LOCALI E RISTORANTI
Sono vietati, nei locali pubblici, feste di laurea, compleanni e ogni altro festeggiamento. Allo stesso modo restano vietate le attività di discoteche, sale da ballo e affini.

I festeggiamenti restano consentiti nei ristoranti, purché si resti seduti e si rispettino le norme attualmente in vigore.

In qualunque caso, da oggi e per tutta la durata del DPCM, bar, pub, gelaterie, pasticcerie e ristoranti dovranno chiudere alle ore 24.00, se è previsto servizio al tavolo. Per le attività che non prevedono il servizio al tavolo la chiusura è fissata per le ore 21.00.

La ristorazione da asporto è consentita, ma torna il divieto di consumazione sul posto o nelle adiacenze dopo le ore 21.00.

Rimane attivo in ogni ora il divieto di assembramento, l’obbligo di mascherina e di distanziamento fisico di almeno un metro.

CERIMONIE
Per le cerimonie il protocollo resta invariato, con l’unica eccezione della limitazione a 30 ospiti per i banchetti. I buffet sono consentiti solo se a servire le pietanze è il personale di servizio.

Anche se personalmente avrei ritenuto più corretto escludere dal provvedimento i matrimoni già stabiliti, ovviamente nel rispetto delle norme di distanziamento e mascherine, in cui sono già stati impegnati soldi e sforzi organizzativi

SPORT AMATORIALE
Sono vietate tutte le gare, le competizioni e tutte le attività connesse agli sport di contatto amatoriali.

Le palestre rimangono aperte secondo i protocolli già in vigore.

MASCHERINE
Per le nuove regole sull’uso delle mascherine trovate maggiori dettagli qui: https://bit.ly/3nIsRZM

ULTERIORI RACCOMANDAZIONI
Non vi è obbligo alcuno, ma raccomandiamo fortemente il ricorso a forme di lavoro agile per minimizzare i rischi di contagio.

Inoltre si raccomanda di non organizzare feste in casa con più di 6 invitati non conviventi, con i quali è fortemente consigliato di mantenere il distanziamento fisico di 1 metro e di indossare la mascherina.

QUARANTENA BREVE
Cambia anche, con una circolare del Ministero della Salute, la normativa in materia di quarantena.

In caso di positività senza sintomi:
10 giorni di isolamento + test molecolare negativo.

In caso di positività con sintomi:
10 giorni, di cui almeno 3 giorni senza sintomi + test molecolare negativo

In caso di positività a lungo termine:
21 giorni, di cui almeno 7 giorni senza sintomi (le autorità sanitarie locali valuteranno caso per caso).

In caso di contatti stretti con soggetti positivi:
14 giorni di quarantena dall’ultima esposizione (senza test), oppure 10 giorni + test antigenico o molecolare negativo.

AUTONOMIE REGIONALI
In base alla situazione epidemiologica territoriale, le Regioni possono firmare ordinanze più restrittive rispetto alle regole fissate dal governo.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

In Liguria maggioranza compatta per il SÌ alla legge referendaria

Le manifestazioni del Settembre astigiano, ovvero Festival delle Sagre, Douja

Ora dovranno rispondere di violenza privata aggravata Hanno aggredito in

Una foto di una bimba che offre un fiore ad

Sono stati oltre 4mila i controlli della Polizia locale di

Facebook dopo lo scandalo, ormai un anno fa, Cambridge Analytica,

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.