Moda, Milano e Lombardia protagoniste dell’export

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
moda

La Lombardia è protagonista della moda italiana trainata da Milano che continua a macinare numeri record. Milano esporta infatti 7,2 miliardi di euro, un settimo circa del totale nazionale. Seguono Firenze (11,1 per cento del totale) e Vicenza (8,4 per cento). Vengono poi Treviso, Prato, Reggio Emilia, Bologna, Verona, Biella, Como, Piacenza e Bergamo. Le crescite maggiori in un anno si sono verificate a Piacenza (+33,4 per cento), Milano (+9,8 per cento) e Venezia (+8,4 per cento).

A questo tema è dedicato l’approfondimento settimanale di #LombardiaSpeciale, pubblicato sul sito www.lombardiaspeciale.regione.lombardia.it

I DATI – I dati, emersi dalla rilevazione ‘La moda italiana nel mondo – Italian fashion in the world’, realizzata dalla Camera di commercio di Milano Monza Brianza Lodi e Promos Italia, l’agenzia per l’internazionalizzazione del sistema camerale italiano, su dati Istat, evidenziano anche una Lombardia altamente performante in questo settore con 13,7 miliardi di export, +5,5 per cento, più di un quarto del totale italiano.

VOLANO STRATEGICO – “Questi numeri e dati – ha commentato l’assessore regionale alla Moda, Turismo e Marketing territoriale Lara Magoni – confermano quanto sia importante per la Lombardia la moda e quanto possa essere volano strategico non solo per l’economia locale ma anche come traino a livello nazionale”.

SAPER FARE, RICERCA E TRADIZIONE – “Regione Lombardia – ha aggiunto – crede fermamente in un settore nevralgico del Made in Italy e proprio in questi termini si configura la nostra mission: l’obiettivo è fondere sapientemente la genialità del nostro ‘saper fare’, la cura della tradizione e delle eccellenze locali, con la costante ricerca per proporre sul mercato prodotti competitivi e tecnologicamente innovativi”.

LA CLASSIFICA – Oltre a Milano, leader in Italia, tra i primi 20 posti ci sono anche Como (10°), Bergamo (12°), Varese (14°) e Mantova (18°).

In forte crescita Pavia (+48,1 per cento) e Lodi (+41,5 per cento).

La Lombardia esporta soprattutto articoli di abbigliamento per 4,8 miliardi (+4,7 per cento), borse e pelletteria per 2,3 miliardi (+14,9 per cento). Tra le province, oltre a Milano, medaglia d’oro per articoli di abbigliamento, per biancheria per la casa, tappeti, passamanerie e pellicce, si distinguono Mantova prima per maglieria, Como seconda per tessuti, Bergamo e Brescia quarta e quinta per filati, Bergamo seconda per biancheria per la casa, tappeti e passamanerie.

LE PRINCIPALI DESTINAZIONI – Le tre maggiori destinazioni estere per la moda italiana sono: Francia (10,4 per cento del totale), Svizzera (9,9 per cento, +18,7 per cento), che supera la Germania (8,9 per cento, stabile).

Se la Francia è il principale partner per articoli di abbigliamento, maglieria, tappeti, calzature e pellicce, Hong Kong eccelle per abbigliamento sportivo, la Germania è prima per tessuti e per camicie, t-shirt e intimo, la Svizzera per borse e pelletteria, gli Stati Uniti per biancheria per la casa, la Romania per filati, passamanerie e bottoni, lo Sri Lanka per pizzi e merletti.

Le crescite maggiori riguardano Cina e Corea del Sud, rispettivamente +17,8 per cento e +13,3 per cento.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

“Lo stato in cui versa la Capitale d’Italia è sotto

Orchestra Sinfonica Siciliana. Sinistra Comune: “Giù le mani dall’Orchestra. Necessaria

Nella riunione del Cipe che si è appena conclusa a

Rispetto alla situazione rifiuti a Roma non si può più

“Si regista un ritorno al sovraffollamento nelle carceri dell’Emilia-Romagna”. La

Marco Marinacci Il Presidente dei Popolari per l’Italia, Mario Mauro,

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.