Mondiali di Tokyo. Con 11 armi in gara l’Italia ne piazza 5 in finale e 6 in semifinale

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
MP3_2512

TOKYO (JPN) – Porta bene all’Italia il Sea Forest Waterway, il bacino olimpico e paralimpico di Tokyo 2020, poiché dopo tre giorni di eliminatorie la compagine azzurra non ha ancora perso pezzi e ha 5 equipaggi in finale (quattro senza maschile, quattro senza, quattro con, due senza e otto femminile), mentre 6 sono approdati alle semifinali in programma domani dalle 9.00 alle 10.05 (2.00-3.05 italiane) e sono il singolo, il due senza, il doppio e il quattro di coppia maschile, il doppio e il quattro di coppia femminile. Questa mattina, notte fonda in Italia, si sono svolte solo due gare con barche azzurre: il recupero del due senza, Italia seconda dietro alla Cina, e la preliminary race dell’ammiraglia femminile dove l’Italia, con il risultato ininfluente ai fini di assegnazione di medaglie, ha vinto davanti a USA e Germania.

Per quanto riguarda il recupero del due senza femminile, di Matilde Barison e Greta Schwartz (C Gavirate), da registrare la bella gara delle due azzurre che, con determinazione e caparbietà, sono state all’altezza della situazione piazzandosi al secondo posto dietro alla Cina, appunto, al termine di una regata durante la quale hanno domato onde, vento e avversarie. Un secondo posto che per loro equivale a poter concorrere per le medaglie durante le finali in programma per domenica 11 agosto. Domani saranno in gara i sei equipaggi semifinalisti, mentre domenica le finali sono previste, salvo cambiamenti per peggioramento delle condizioni meteo, dalle 9.50 alle 13.10 (2.50-6.10 in Italia).

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

Sono 25 i milioni che #Anas ha messo a disposizione

Al culmine dell’anno più travagliato della nostra breve storia, quanto

In barba alle norme secondo le quali la nomina del

Cina e Olanda al top. E l’Italia muove i primi

Il prossimo 22 giugno entreranno in vigore le nuove regole

Dopo la decodifica del genoma di vite, melo, fragola, lampone,

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.