Mutui della Città di Torino, nel 2021 i risparmi della rinegoziazione saranno utilizzati per l’emergenza covid

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
soldi

Facendo seguito alla deliberazione sulla rinegoziazione dei mutui approvata il 14 ottobre 2019 dal Consiglio Comunale e alla nota del 5 novembre 2020 della Cassa Depositi e Prestiti che ha rimosso il vincolo della destinazione dei risparmi per investimenti – come ha spiegato in Commissione l’assessore al Bilancio, Sergio Rolando – la Sala Rossa ha deciso di avvalersi negli anni 2021, 2022 e 2023 dell’opportunità di usare le maggiori risorse ottenute per finanziare la spesa corrente, approvando una deliberazione ad hoc nella seduta del Consiglio Comunale del 23 dicembre 2020 (21 voti favorevoli, 3 contrari, 1 astenuto).

Per il 2021 – ha affermato l’assessore – si tratta di circa 16 milioni di euro.

Così come previsto da un emendamento proposto dalla Giunta e sollecitato da consigliere e consiglieri di maggioranza e di opposizione in Commissione, le risorse potranno essere utilizzate nell’esercizio 2021 per far fronte alle maggiori spese causate dall’emergenza Covid-19, con particolare riferimento a quelle previste per il comparto educativo per la gestione degli spazi didattici e la distribuzione dei pasti in sicurezza, nonché alle minori entrate di tipo patrimoniale e tariffario a sostegno dei soggetti danneggiati dal punto di vista sociale ed economico nel contesto emergenziale.

Il provvedimento era stato presentato e discusso nelle sedute del 16 e 18 dicembre 2020 delle Commissioni Prima e Controllo di gestione, presieduta da Marco Chessa.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

Rischio incendio e folgorazione: questi i rischi per l’incolumità pubblica

E’ in corso un blitz dei carabinieri del comando provinciale

L’inquinamento accorcia in media la vita di di tre anni

GENOVA – Dovrà pagare alla Fondazione di Palazzo Ducale 25mila

Un’operazione di riqualificazione del litorale di Messina, nel tratto compreso

Rossi: “un’occasione da non perdere per rendere competitivo il nostro

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.