Nancy Brilli: “La Rai mi tiene in esilio da 17 anni”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
brilli

”Il mio ultimo lavoro in Rai risale a 17 anni fa. Parliamo di ‘Commesse’, una serie di successo. Da allora, niente più. Eppure, nei loro show, continuano a invitarmi”. Così Nancy Brilli in una intervista esclusiva pubblicata dal settimanale ‘Chi’, nel numero in edicola da domani. Un argomento tornato di attualità dopo che l’attrice nei giorni scorsi ha pubblicato un provino da lei sostenuto per la serie ‘L’Oriana’ sulla vita di Oriana Fallaci, andata in onda nel 2015 e interpretata da Vittoria Puccini.

”Ho raccontato come andò quel provino e di quanto sia difficile fare questo mestiere -prosegue l’attrice- In quella circostanza fui io a propormi dopo aver letto una prima ipotesi di sceneggiatura, che poi fu completamente diversa da quella andata in onda con la bravissima Vittoria Puccini. Quello che mi ferì fu il trattamento che mi venne riservato. Mi dissero: ‘Bello il trucco, ma questi li facciamo anche noi a Tale e quale show’. Per poi aggiungere che ero bravissima, ma troppo popolare e che le donne vere avrebbero faticato a riconoscersi in una come me”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

“Forse abbiamo riaperto troppo presto”. Paolo Mieli, ospite di Bianca

Sul fronte della domanda per consumi delle famiglie persistono condizioni

Autotrasporto: la parificazione delle accise del gasolio alla benzina colpirebbe

Il ricatto del sindaco dell’Aquila Biondi che condiziona l’approvazione di

“Sulla annosa e delicata questione del futuro degli ex Lsu/Lpu

PREOCCUPAZIONE PER NUOVE TENSIONI USA CINA E PER L’APPROSSIMARSI DELLA

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.