Naufragio al largo della Mauritania, morti 58 migranti

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
migranti

E’ di almeno 58 morti il bilancio del naufragio di un’imbarcazione carica di migranti al largo delle coste della Mauritania. Secondo quanto reso noto dal governo locale, sul barcone viaggiavano tra i 150 ed i 180 migranti, la maggior parte dei quali giovani di età compresa tra i 20 ed i 30 anni originari del Gambia. Secondo

Il barcone, ha comunicato l’Oim, era partito il 27 novembre dal Gambia – sembra con l’intenzione di raggiungere le isole Canarie – quindi era rimasto senza combustibile ed infine era naufragato al largo della costa mauritana. Ottantatre persone hanno raggiunto la riva a nuoto e sono stati assistiti di soccorsi messi a disposizione dal governo, l’Oim e l’Acnur.

Il ministero dell’Interno della Mauritania ha parlato di una “tragedia” conseguente “al fenomeno dell’immigrazione clandestina che decima la gioventù africana” e ha lanciato un appello “ad unire gli sforzi per porre fine a questa spirale mortale”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

Allattamento al seno: diritto della donna, diritto del bambino, beneficio

LE 100 PERCUSSIONI DI RAVENNA FESTIVAL: TRE EVENTI PER UN

“Lo sblocca-cantieri non sta sbloccando un bel niente, perché non

SI TRATTA DEL PRIMO STEP DEGLI IMPORTANTI LAVORI DI AMPLIAMENTO

Ministro Di Maio, cominciamo dalle toghe sporche? Cominciamo Che effetto

Massimo D’Alema, cinque giorni dopo il voto del 4 marzo

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.