ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish

“Ne usciremo migliori”. Ma davvero?

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
mentana

Il fatto di essere costretti a casa, forzatamente virtuosi, impauriti e commossi per quel che vediamo e sentiamo, non implica purtroppo nulla di certo sul futuro, né per i comportamenti collettivi né per le piaghe sociali provocate dal virus. Quando sarà chiesto a chi avrà ancora un lavoro di privarsi di qualcosa per aiutare chi ha perso il posto saremo tutti così solidali? O diremo che ci deve pensare lo stato o l’Europa?
Perché la cosa principale che non si dice di questa emergenza terribile è che allargherà ulteriormente il fossato tra chi è garantito e chi no, e la solidarietà casalinga a parole di oggi lascerà il posto a egoismi e corporativismi, e alla ricerca di appoggi alle forze politiche per tutelare interessi di gruppo. Quella frase di De Gasperi che viene spesso citata, “un politicante pensa alle prossime elezioni, uno statista alle prossime generazioni” si declinerà al presente in una realtà da dopoguerra in cui già le attuali giovani generazioni rischiano di essere espulse totalmente da ogni ciclo produttivo, magari nel limbo di un perpetuo reddito di cittadinanza. Dopo tre quarti di secolo la democrazia vivrà in Italia la sua prova decisiva. Reggerà se nella politica emergeranno gli statisti, e confronteranno le loro idee di paese. Senza passioni forti, capacità di visione e leader degni di fiducia rischieremmo il tracollo. Davvero.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

“Le immagini che ci giungono dalla Bielorussia suscitano nelle coscienze

L’ex assessore ai servizi sociali del Comune di Pavia, Sergio

PALERMO – “Sono sotto shock, come credo sia sotto shock

Un puzzle su cui i lavori sono in corso e

scalfarotto

Le dichiarazioni del sottosegretario Manlio Di Stefano, contrarie alla ratifica

merkel

Che il 2021 sarà un anno cruciale in Germania è

ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.