Nel 2017 le emissioni di gas serra nell’Ue sono aumentate ancora

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
inquinamento

Secondo l’Annual European Union greenhouse gas inventory 1990-2017 and inventory report 2019 pubblicato dall’European environment agency (Eea), «Nel 2017, le emissioni totali di gas serra (compresa l’aviazione internazionale) sono aumentate dello 0,7% rispetto al 2016».

L’Agenzia ambientale europea sottolinea che «Questi dati ufficiali confermano le stime preliminari pubblicate dal Eea a ottobre 2018. Dal 1990 al 2017, l’Ue ha ridotto le proprie emissioni nette di gas serra del 21,7%. L’Ue sta pertanto ancora superando l’obiettivo di riduzione del 20% fissato per il 2020».

Dal 1990 le emissioni di gas serra dell’Ue sono diminuite grazie sia alle politiche climatiche che a fattori economici e strutturali e, in media, a inverni più miti che consentono di consumare meno energia per il riscaldamento. L’Eea spiega che «I maggiori tagli alle emissioni sono stati effettuati nel settore dell’energia, grazie a miglioramenti dell’efficienza, maggiore utilizzo di energie rinnovabili e un mix di combustibili fossili meno carbon intensive: più gas e meno carbone e petrolio. L’efficienza energetica e le energie rinnovabili continueranno a svolgere un ruolo chiave nel ridurre le emissioni future e aiutare l’Ue a raggiungere l’obiettivo di riduzione del 40% entro il 2030.

Il rapporto evidenzia che l’aumento dello 0,7% delle emissioni di gas serra dell’Ue osservate nel 2017 è stato determinato principalmente da due fattori: «Le emissioni dei trasporti hanno continuato a crescere: per il quarto anno consecutivo dal 2013, le emissioni di anidride carbonica generate dai trasporti stradali sono aumentate, sia per le merci che per le auto. La maggior parte dell’aumento è rappresentata dal maggiore consumo di diesel da parte di camion e furgoni, ma il consumo e le emissioni sono aumentati anche per le auto. Le emissioni del trasporto aereo internazionale sono aumentate in modo sostanziale a causa dell’aumento della domanda e del consumo di cherosene per jet. Nel 2017, in tutta l’Ue, diversi settori industriali hanno registrato maggiori emissioni a seguito di una maggiore attività economica e industriale rispetto al 2016».

Questi aumenti delle emissioni sono stati in parte compensati dai miglioramenti dell’efficienza energetica e dell’intensità di carbonio dell’economia, dovuti a: «Minori consumi di combustibili fossili ed emissioni nella produzione di calore ed elettricità nelle centrali elettriche, con minore utilizzo di carbone e maggiore utilizzo di gas naturale e fonti rinnovabili. Minori perdite dalla trasformazione e migliore efficienza energetica».

I Paesi Ue che nel 2017 hanno registrato i maggiori aumenti delle emissioni di gas serra in termini assoluti sono Polonia e Spagna. In Polonia, l’aumento è dovuto principalmente dovuto alle maggiori emissioni del trasporto su strada. In Spagna, la maggior parte dell’aumento netto delle emissioni è dovuto a un maggior utilizzo del carbone per la produzione di energia. I maggiori aumenti di emissioni di gas serra in termini relativi nel 2017 si sono verificati a Malta, in Portogallo e in Estonia.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

I veicoli elettrici venivano visti da molti, ieri come oggi,

Fedez e Chiari Ferragni divorziano, è l’ultima notizia che sta

Presidente, pochi mesi dalla sua elezione al vertice di Assoferr

Musicastelle outdoor, i prossimi appuntamenti con Nada ed Enrico Nigiotti

“UNA MAFIA GOVERNA IL MERCATO DELL’ARTE. QUI INVECE C’E’ L’ARTE

È stato ricevuto in Comune dal vicesindaco Raffaella Bonsangue il

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.