ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish

Nelle Dolomiti il primo paese con metà degli abitanti immuni al coronavirus

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
parco

Ortisei, splendida località alpina della Val Gardena, ha già acquisito la cosiddetta immunità di gregge, ha affermato dalle pagine del quotidiano locale Dolomiten il dottor Simon Kostner dopo aver effettuato test sierologici sugli abitanti.

Quasi un abitante su due di Ortisei, centro dolomitico della Val Gardena, risulta immune al coronavirus. Questa sensazionale scoperta è stata fatta dal dottor Simon Kostner, impegnato ad effettuare da volontario test sierologici nel centro salute e benessere “Balance” di un hotel della rinomata località altoatesina.

Sono state condotte le analisi del sangue a 456 persone residenti ad Ortisei di età compresa fra i 20 e i 59 anni ed in base ai risultati ottenuti il 49% è risultato positivo. Inizialmente le analisi sono state condotte prima sul personale dell’albergo, dopodiché sono state estese ad altre persone; probabilmente e senza accorgersene la gran parte di loro ha avuto il COVID-19, dal momento che circa i 2/3 ha sostenuto di non aver accusato sintomi.

Il dottor Kostner, che qualche settimana fa era stato contagiato dal coronavirus e si era poi ripreso dopo un decorso medio-grave della malattia, continua ad effettuare i test dall’albergo coadiuvato da colleghi, medici di base ed una infermiera.

“Alla fine della prossima settimana contiamo di terminare con i test”, ha affermato dalle pagine del Dolomiten.

Secondo il dottore, le possibilità che in Val Gardena si abbia già una certa immunità di gregge è alta.

“Si suppone che a Selva gli immuni siano ancora di più che ad Ortisei”, specifica Kostner, citato da diversi media.

In giornata il vicedirettore dell’Oms e membro del comitato tecnico-scientifico Ranieri Guerra aveva sostenuto che in Italia durante la ripresa graduale delle attività economiche saranno “inevitabili nuovi micro-focolai”, pertanto occorre “intervenire prontamente per evitare che si diffondano i casi” e per questo serve rafforzare la medicina del territorio.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

Questi i casi di coronavirus riscontrati nelle varie province dell’Isola,

“A causa dell’enorme ammontare di debiti”, Rousseau lancia l’ultimatum al

“Il crollo della produzione industriale è il frutto di politiche

Dopo la comparsa di alcuni sintomi Silvio Berlusconi è stato

“L’attività di recupero per il fondo indennizzi bancari non costituisce

Lo studio italiano Dotdotdot protagonista della riapertura stagionale del maat –

ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.