Neuropatia ottica ereditaria di Leber, Chiesi acquisisce i diritti sul farmaco idebenone

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
farmaci

Raggiunta l’intesa con Santhera Pharmaceuticals per una somma di 93 milioni di euro

Pratteln (SVIZZERA) – Chiesi Farmaceutici (Gruppo Chiesi) e Santhera Pharmaceuticals hanno recentemente concluso un accordo di licenza relativo al farmaco orfano idebenone (Raxone®), indicato per i pazienti affetti da neuropatia ottica ereditaria di Leber (LHON), una malattia rara che porta a una progressiva perdita della vista. Il medicinale è stato approvato in Europa nel 2015, e in Italia è disponibile per i pazienti con LHON da gennaio del 2016.

Grazie all’accordo stipulato, Santhera trasferirà al Gruppo Chiesi, per una somma complessiva di 93 milioni di euro, i diritti globali di sviluppo, commercializzazione e distribuzione del farmaco idebenone, per il trattamento della LHON e di qualsiasi altra potenziale indicazione oftalmologica, in tutti i Paesi del mondo ad eccezione di Stati Uniti e Canada. Durante l’iniziale fase di transizione, Santhera fornirà un adeguato supporto al Gruppo Chiesi per assicurare un fluido passaggio di consegne e continuerà a commercializzare l’idebenone in Francia.

“Siamo lieti di aver concluso questa trattativa così rapidamente ed efficientemente. Continueremo a lavorare a stretto contatto con il Gruppo Chiesi nei prossimi mesi per assicurare una transizione agevole e per poter fornire l’idebenone ai pazienti senza soluzione di continuità”, ha dichiarato Thomas Meier, Chief Executive Officer di Santhera. “L’accordo con il Gruppo Chiesi ci permetterà di concentrare i nostri sforzi nei settori di attività che sono fondamentali per la nostra strategia di crescita a lungo termine, e che riguardano l’avanzamento in fase clinica dei nostri programmi terapeutici per malattie neuromuscolari e polmonari”.

La neuropatia ottica ereditaria di Leber (LHON) è una malattia genetica ereditaria che causa una grave perdita della vista fino alla totale cecità. La patologia colpisce prevalentemente i maschi in giovane età, e si manifesta con una improvvisa perdita della visione centrale, rapida e indolore, che solitamente porta a cecità permanente bilaterale entro pochi mesi dall’insorgenza dei primi sintomi. Circa il 95% dei pazienti con LHON presenta una di tre specifiche mutazioni del DNA mitocondriale che causano un difetto nel complesso I della catena respiratoria mitocondriale. Queste anomalie genetiche compromettono il normale funzionamento delle cellule ganglionari retiniche a causa di una ridotta produzione di energia cellulare (ATP) e di un aumento dei livelli delle cosiddette “specie reattive dell’ossigeno” (ROS), dando quindi origine a una progressiva perdita di acuità visiva che sfocia in cecità.

Il farmaco idebenone agisce eludendo il difetto del complesso I che è alla base della LHON, riducendo le specie reattive dell’ossigeno, ristabilendo i livelli di energia nelle cellule ganglionari retiniche e promuovendo il recupero dell’acuità visiva. I dati attualmente disponibili dimostrano che la maggior parte dei pazienti trattati con idebenone ha evidenziato benefici in termini di attenuazione della perdita progressiva della vista o di recupero clinicamente rilevante di acuità visiva.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

ACI CASTELLO, CONTRO GLI ALLAGAMENTI SI INTERVIENE NEL CENTRO URBANO

Il Consiglio Mondiale per la Pace (WPC) giudica che «questa

L’icona del cinema è stata ricevuta dal Direttore Eike Schmidt

Il 22 giugno a Reggio Calabria ci sarà la manifestazione

“Con queste due importanti semplificazioni veniamo incontro alle esigenze delle

TRENTO – Il servizio Cultura, turismo e politiche giovanili ha approvato

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.