NO AL RICATTO DEL PADRONE

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
aereo

Come Partito Comunista condanniamo fermamente l’atteggiamento intimidatorio da parte dell’ad di Toscana Aeroporti, ingegner Naldi. Naldi, da bravo padrone, sceglie l’arma del ricatto nei confronti dei lavoratori aeroportuali per protestare contro la sentenza del TAR che blocca il progetto di ampliamento dell’aeroporto di Peretola, un progetto che noi comunisti riteniamo dannoso per i lavoratori e i cittadini e utile soltanto ai profitti della confindustria e dei magnati del trasporto aeroportuale. La sentenza ha suscitato la reazione isterica da parte dell’amministratore delegato che ha minacciato di bloccare gli investimenti, mettendo a serio rischio il futuro di centinaia di lavoratori. Questo episodio è l’ennesima dimostrazione di fino a che punto si può spingere l’arroganza padronale nei confronti dei lavoratori e della collettività e di come un mondo senza padroni non solo sia possibile, ma sempre più necessario. Ci schieriamo per questo dalla parte dei lavoratori degli scali di Pisa e Firenze e siamo pronti a qualsiasi supporto alla lotta che decideranno intraprendere contro questo ennesimo atto di sopruso

Partito Comunista Toscana

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

Una donna ad arbitrare la Supercoppa europea. Così ha deciso

Andamento ondivago, legge bilancio consolidi tendenze positive. Serve intervento ad

ROMA  – “Esprimo soddisfazione per la sentenza con cui la

Al ‘Grattacielo Intesa San Paolo’ l’imprenditore e mecenate piemontese Cristiano

VENEZIA – Un uomo di 46 anni residente in un

Dal 16 maggio al 14 giugno 2019 Il bando per

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.