NO ALL’ALIQUOTA DEL 22% SU SERVIZI E BENI ESSENZIALI

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
animali

Animali, anche Federconsumatori chiede l’IVA agevolata

Carico fiscale eccessivo su milioni di famiglie italiane con animali d’affezione e sulla produzione primaria di alimenti di origine animale. Il Presidente Emilio Viafora sottoscrive la richiesta al Governo e al Parlamento per la riduzione dell’IVA al 10% “dalla prossima Legge di Bilancio”.

Anche Federconsumatori chiede al Governo e al Parlamento lo scaglione agevolato IVA del 10% sulle prestazioni veterinarie e sugli alimenti per animali da compagnia, entrambi gravati dal 22% dell’Imposta.

Il Presidente di Federconsumatori, Emilio Viafora, sottoscrive la lettera aperta al Governo e al Parlamento per una rimodulazione permanente dell’aliquota IVA, già dalla prossima Legge di Bilancio: “La salute e il benessere degli animali, d’affezione e da reddito, vanno sostenuti con interventi fiscali adeguati alla gravità storica di una fase di crisi e di impoverimento generale dei cittadini-consumatori”- dichiara Viafora. La lettera aperta è stata promossa da ANMVI ed è firmata dalle principali sigle della Veterinaria, dell’Industria della salute e degli alimenti animali e da rappresentanze della società come Federanziani Senior Italia. “Sono momenti cruciali per la programmazione economico-fiscale del Paese, anche alla luce del PNRR, il piano di resilienza e di ripresa italiano ribadito ieri dal Presidente Conte alle Camere”, fanno notare Viafora e il Presidente dell’ANMVI Marco Melosi. Il settore della salute, dell’alimentazione e del benessere animale è considerato essenziale durante la pandemia e funzionale ad assicurare la continuità della filiera alimentare, della salute degli animali allevati e della sicurezza degli alimenti. “Un’imposta così gravosa rappresenta il più rilevante dissuasore sociale al conseguimento dei nuovi obiettivi strategici – nazionali, europei e globali- del Next Generation EU per un approccio integrato Salute-Agricoltura-Ambiente”- concludono i vertici di ANMVI e FEDERCONSUMATORI.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

A Palazzo Chigi non c’è un governo ma un gruppo

Marocco: “servono risposte politiche sul tema dell’assistenza agli anziani” E’

Il numero di edifici che, in Alto Adige, contengono ancora

Un ministro che si fa beffe del Parlamento, che lancia

Roma – “Il ristoro ai risparmiatori danneggiati dal crack delle

Dopo lo svolgimento di addestramenti militari congiunti tra Grecia e

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.