Non bastava il Coronavirus, nei campi ecco le gelate

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
gelata_piante_

Per l’agricoltura è emergenza nell’emergenza. Non solo Coronavirus, a dare l’ennesimo colpo al settore è arrivato il brusco calo delle temperature, scese anche sotto lo zero, con gelate e nevicate fuori stagione.

Ingenti i danni agli impianti di frutta e alle produzioni orticole, nella fase delicata di fioritura e gemmazione, soprattutto al Nord Italia, ma anche nelle aree interne, e fino in Puglia e Basilicata. Così Cia-Agricoltori Italiani, che sta monitorando la situazione attraverso le sue strutture territoriali.

Guardia alta in molte aree della Lombardia, del Veneto e dell’Emilia-Romagna, con perdite importanti su albicocche, pesche e nettarine, in particolare nel Ravennate, Modenese e Ferrarese. A rischio anche ciliegi e susini in fiore, mentre per pere, mele e kiwi, ci sono le gemme pronte bruciate da ghiaccio e freddo. Nei campi gravi danni si contano anche per le primizie di stagione, dai carciofi agli asparagi, dalle bietole alle cicorie ai piselli. Nell’Oltrepò pavese c’è paura soprattutto per i vigneti, mentre dal Grossetano in Toscana ci sono segnalazioni di danni alle primizie. Preoccupazione, lungo la costa abruzzese, per i frutteti e vigneti soprattutto di uva bianca precoce. Invece in Puglia, dove finora la perturbazione ha risparmiato solo il Salento, si teme soprattutto per le colture orticole, mandorli, agrumi e varietà precoci di uva da tavola. Sono in pericolo anche gli ulivi e il grano, se dovessero abbassarsi ulteriormente le temperature.

“Gli agricoltori, con il senso di responsabilità che li caratterizza, stanno continuando a lavorare per assicurare cibo fresco e sano a tutte le famiglie, anche in questa fase di crisi -osserva il presidente nazionale di Cia, Dino Scanavino-. Ora, però, si trovano a dover affrontare anche l’emergenza maltempo, che aggiunge danni e problemi a una situazione già difficile. Per questo chiediamo alla politica e alle istituzioni, che finalmente stanno comprendendo il ruolo strategico del settore primario, di sostenere l’agricoltura italiana con interventi e risorse adeguate”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

Assolutamente da firmare e condividere la petizione di Essere Animali

Nel quadro delle iniziative per ricordare i 100 anni dell’impresa

Il gruppo Davide Campari chiude il 2019 con un fatturato

L’effetto Dunning-Kruger è una distorsione cognitiva che porta a sopravvalutare

Udine – “Quando si parla di posti di lavoro e

Nella Provincia di Livorno raccolte 60 tonnellate di generi alimentari

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.