“Nothing to sell” al via la mostra fotografica

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
NOTHING TO SELL - Da domani al Macro il progetto di Elisa Franzoi

“Nothing to sell” al via la mostra fotografica contro la mercificazione del corpo delle donne

La mostra è a cura di Elisa Franzoi e sarà ospitata al Macro Asilo di Roma dal 3 all’8 settembre.

ROMA – Al via a Roma la mostra “Nothing to sell – dal corpo/merce alla libertà di essere”, contro lo sfruttamento e la mercificazione del corpo delle donne. La mostra fotografica è a cura di Elisa Franzoi e sarà ospitata al Macro Asilo di Roma dal 3 all’8 settembre. La mostra si configura come un vero e proprio progetto partecipato di resistenza artistica, scaturito dal manifesto anti-pubblicitario contro la mercificazione del corpo, che ritrae la schiena nuda dell’artista con la scritta “Nothing to sell – niente da vendere”. Le foto arrivano da numerosi shooting days nati spontaneamente in sostegno alla campagna anti-pubblicitaria. Le immagini delle schiene pervenute da tutto il mondo sono, pertanto, una risposta al fenomeno delle pubblicità sessiste. L’esposizione sarà accompagnata da una serie di eventi tutti al femminile.

Christian Flammia

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

Dopo i numerosi sforzi della comunità internazionale con il Processo

GENOVA – Sono 1053 i candidati che hanno sostenuto il

È uno dei drammi del nostro Pianeta. In Italia il

“Musumeci è una pessima imitazione del sindaco De Luca, cioè

“Non siamo ancora fuori dalla fase più difficile. Bisogna mantenere

ABBIAMO SUBITO LE ANGHERIE DI UNA CLASSE POLITICA CHE HA

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.