Oggi è una giornata storica per il nostro Paese

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
AMBIENTE

E’ stato firmato dal ministro dello sviluppo econonico Stefano Patuanelli il decreto che incentiva la creazione delle Comunità energetiche.

Cosa sono? Una vera rivoluzione in termini di produzione e consumo di energia. Da oggi famiglie in condomini o in singole case, aziende e imprese, enti locali e territoriali potranno attivarsi per produrre ed auto consumare l’energia rinnovabile da impianti fino ai 200 kW di potenza. Quindi la condivisione avverrà tra più edifici liberando sempre più persone dal consumo di energia prodotta dal fossile.

E’ l’inizio di un nuovo capitolo nella storia energetica e ambientale del nostro Paese. Un nuovo capitolo anche nel panorama energetico europeo, visto che l’Italia è tra i primi paesi Ue a inaugurare il modello dell’autoconsumo collettivo e delle comunità energetiche.

Un lavoro nato dal pervicace impegno del Senatore Gianni Pietro Girotto, e di tutto il gruppo M5S che ci ha sempre creduto, e che porta l’Italia ancora un passo avanti sulla strada per la transizione energetica. Dobbiamo velocizzare al massimo il processo di decarbonizzazione del Paese senza lasciare nessuno indietro e questa firma di oggi va in questa direzione!

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

Nel 2018 un bambino su 10 in tutto il mondo

Nuovissimo brano musica di Arly Joi “Nel verso inverso” singolo

C’è anche un po’ di Basilicata nel raggiungimento dello storico

Per Fabrizio Corona è giunta l’ora di iniziare una nuova

Il fiume Po attraversa l’area maggiormente industrializzata del paese ed

La Sicilia è la prima Regione italiana scelta dalla Camera

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.