ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish

Oggi si celebra il 160esimo anniversario dell’Unità d’Italia

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
fico

Ed è l’occasione per ricordare come si formò e sviluppò quel sentimento di identità nazionale, che fu una forte spinta ideale verso l’unità e la coesione tra diverse popolazioni della penisola. Verso la condivisione, la solidarietà e la costruzione di una vera e propria comunità.
Le energie morali, culturali e civili che animarono il Risorgimento costituiscono un patrimonio di valori che ha accompagnato la storia del nostro. È un bagaglio prezioso che deve continuare a ispirarci ancora oggi, anche ai fini della partecipazione della nostra nazione al processo di integrazione europea che ha assicurato all’Italia ed altri Stati e popoli del continente pace e prosperità.
Sappiamo al tempo stesso che molto resta da fare per garantire la reale coesione tra le varie parti del nostro Paese. Permangono – e in alcuni casi si sono addirittura aggravate – diseguaglianze territoriali, economiche e sociali.
L’impegno primario deve dunque essere quello di adoperarsi per superare questi divari inaccettabili che minano il senso di comunità alla radice e soffocano lo sviluppo del nostro Paese. Per farlo abbiamo l’occasione imperdibile di un Piano nazionale di ripresa e resilienza, che deve puntare a far ripartire il Paese annullando le disparità tra i vari territori.
Nella difficile fase che stiamo vivendo c’è una splendida immagine di identità e di italianità: quella dei nostri medici e di tutto il personale sanitario che sono sempre rimasti in prima linea a combattere una guerra logorante a tutela della salute della collettività. E c’è quella degli uomini e delle donne, impegnati nelle missioni internazionali di pace che contribuiscono, con il nostro Tricolore, alla promozione dei valori universali della libertà e della dignità della persona nelle aree del mondo ricattate dai conflitti e dalle violenze. Un pensiero oggi va sicuramente all’ambasciatore Luca Attanasio e al carabiniere Vittorio Iacovacci.
E voglio ricordare anche tutti coloro che portano nel mondo la cultura della pace del nostro Paese, così come il nostro patrimonio storico, artistico, naturale.
Ripercorrere la nostra storia, promuovere i nostri valori, avere rispetto per il nostro passato, serve a dar forma a una forza positiva, a una riserva di energie morali, culturali e civili indispensabile per affrontare il futuro e le sue sfide.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

bici

GRANFONDO STELVIO SANTINI 2021: LA JERSEY UFFICIALE ECOSOSTENIBILE COORDINATA CON

Prato, con 598,55 euro, è la provincia italiana con il

Due atti parlamentari e un anniversario: il voto della giunta

renzi

Matteo Renzi è a Dubai, alloggia in un lussuoso hotel

Sarà pronto entro la fine del 2021 e sarà il

gismondo

Sono assolutamente contraria alla rilevazione della temperatura fatta in famiglia”

ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.