ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish

OLTRE IL CORONAVIRUS, PER FAR RIPARTIRE IL TERZIARIO

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
notizie in un click

Riaperture di hotel, bar, ristoranti e altre attività, sostegni efficaci per le imprese, importanza della programmazione anche per permettere alle aziende di allontanare la paura di nuove, improvvise chiusure. Sono i temi sui quali si è concentrata la riunione di oggi, in Sala Depero, del tavolo “di crisi” con le associazioni di categoria del terziario, il Presidente Maurizio Fugatti
, l’Assessore Achille Spinelli e il sottoscritto. Un’iniziativa dedicata alle criticità della situazione sanitaria ed economica provocata dalla pandemia da coronavirus che nasce da una richiesta ufficiale di Confcommercio, Confesercenti e Asat.
Le riaperture in sicurezza sono la nostra priorità. Sappiamo che, visto lo stato di grave difficoltà, anche due settimane possono essere determinanti. Questa settimana capiremo le intenzioni del governo, se ci sono spiragli noi agiremo in tal senso.
Il confronto si è svolto in un continuo rimando tra gli interventi a livello nazionale – il decreto Sostegni di marzo e il suo probabile raddoppio – e la manovra migliorativa provinciale che la Giunta conta di ultimare questa settimana. I rappresentanti delle associazioni, dando voce ai propri associati, hanno fatto presente agli esponenti della Giunta lo stato di prostrazione di lavoratori e imprenditori di commercio, locali pubblici e turismo, per la situazione in atto e la mancanza di certezze. Spazio poi alle richieste nel merito e alla condivisione delle migliori soluzioni in base alle esigenze delle imprese.
Obiettivo di questo confronto è stato quello di ragionare in modo strutturato su quali iniziative attivare per questo settore martoriato dalla pandemia. Niente chiacchiere, ma una condivisione sugli interventi concreti a sostegno delle aziende. Pensare agli interventi per la ripartenza è prioritario e in questo senso i bandi Qualità in Trentino vanno nella giusta direzione. Il loro successo, infatti, è uno dei tasselli messi in campo dalla Provincia per garantire le prospettive di turismo e commercio.
Per quanto riguarda il tema cruciale delle riaperture, l’amministrazione provinciale con i suoi dirigenti e il comparto sanità si sta confrontando sulle disposizioni da applicare. C’è la volontà di procedere, in sicurezza. Nei prossimi giorni, appena avremo dettagli precisi, convocheremo le associazioni. Vogliamo dare un messaggio di positività. #ripartitrentino

Roberto Failoni

 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

draghi

Ma verso dove ci sta traghettando Mario Draghi? Lo vedi

In un’intervista a Sputnik, l’ex ministro dell’Interno Marco Minniti ha

conte

Pagamenti elettronici, invalidità, tasse: tutte le novità. Sgravi a chi

vaccino

L’Interpol ha diffuso un messaggio di allerta arancione a livello

“Il cambiamento in Europa non si ottiene retrocedendo rispetto al

Arrestate 18 persone, sequestrati 849.97gr di droga, 5105 Euro in

ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.