Oms: “Virus sta accelerando”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
oms

“Questo giovedì sono sei mesi da quando l’Oms ha dichiarato Covid-19 un’emergenza di sanità pubblica internazionale. Quando ho dichiarato l’emergenza di sanità pubblica internazionale il 30 gennaio – il più alto livello di allarme ai sensi del diritto internazionale – c’erano meno di 100 casi di Covid al di fuori della Cina e nessun decesso. Oggi sono quasi 16 milioni i casi segnalati all’Oms con oltre 640.000 decessi. E la pandemia continua ad accelerare”. Lo ha sottolineato il direttore generale dell’Organizzazione mondiale della sanità, Tedros Adhanom Ghebreyesus, in conferenza stampa a Ginevra.

“Nelle ultime 6 settimane, il numero totale di casi è quasi raddoppiato. Questa è la sesta volta che un’emergenza sanitaria globale è stata dichiarata ai sensi dei regolamenti sanitari internazionali, ma è di certo la più grave”, ha aggiunto il Dg. “Covid-19 – ha ribadito Tedros – ha cambiato il nostro mondo. Ha riunito persone, comunità e nazioni e le ha separate. Ha dimostrato di cosa sono capaci gli esseri umani, sia positivamente che negativamente. Abbiamo imparato moltissimo e stiamo ancora imparando. Come richiesto dal Regolamento sanitario internazionale – ha aggiunto – riunirò il Comitato di emergenza entro questa settimana per rivalutare la pandemia e consigliarmi di conseguenza”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

Siamo il Paese pilota perché in Occidente, nessuno ha affrontato

“Siamo molto soddisfatti per quanto comunicato dal ministro della Giustizia

Attraverso il fondo fiduciario regionale dell’Unione europea è stato adottato

A Linkiesta Festival si parla del sistema delle imprese italiane,

La guerra dei dazi tra Stati Uniti e Unione europea

Intitolando una rotatoria a Giuseppe Niccolai, “fascista doc”, come lo

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.